Pubblicità

Il diciottenne Weerts è diventato il più giovane vincitore assoluto della Blancpain GT Series, battendo il record stabilito dal compagno di equipaggio Vanthoor all’Hungaroring nel 2017.

Questo successo arriva dopo che Weerts ha ottenuto la pole per la gara di apertura di sabato, per poi uscire di scena mentre correva in seconda posizione. Ottenere la vittoria meno di 24 ore dopo ha richiesto un livello di maturità impressionante da parte del belga.

Vanthoor ha iniziato la gara dietro alla #88 AKKA ASP Mercedes-AMG ASP di Raffaele Marciello e, nonostante un attacco iniziale del pilota Audi, è stato l’italiano a controllare lo stint iniziale. Una lotta serrata tra due dei più veloci concorrenti sulla griglia di partenza del Blancpain GT World Challenge Europe, ma Marciello è riuscito a costruire gradualmente un distacco di poco più di due secondi.

Questo gap è stato eliminato quando la safety car è entrata in pista per consentire ai commissari di rimuovere i detriti dal circuito. Marciello ha mantenuto il suo vantaggio alla ripartenza e, all’avvicinarsi della fase di pit stop, la #88 Mercedes-AMG sembrava essere in una posizione di comando, ma, come spesso accade nelle gare di un’ora, la corsa si è decisa ai box.

I due piloti si sono fermati nello stesso momento ma, mentre non ci sono stati problemi per la squadra WRT, c’era chiaramente qualcosa che non andava per AKKA ASP. La squadra non era pronta per Marciello, e questo ha causato un notevole ritardo nell’uscita dai box di Vincent Abril.

Quando il monegasco è riuscito ad uscire dai box è crollato al 23° posto.

Questo ha messo Weerts in una posizione di forza, ma il suo compito non era affatto semplice. Dietro di lui la #25 Sainteloc Racing Audi si era spostata in seconda posizione con Christopher Haase.

Il divario tra la coppia di testa è rimasto intorno ai due secondi, con Weerts in grado di gestire la sua posizione in testa. Quando si è arrivati nei 15 minuti conclusivi, Andrea Caldarelli è emerso come la più grande minaccia del belga al volante della Lamborghini #563 Orange1 FFF Racing Lamborghini che condivide con Marco Mapelli.

Dopo aver conquistato la vittoria nella gara di sabato sera, l’italiano era di buon umore e si è rapidamente avvicinato alla coda di Gachet nella Sainteloc Audi. Caldarelli è salito in seconda posizione a nove minuti dal termine ed è stato il più grande motivo di preoccupazione nei garage WRT.

Caldarelli è riuscito ad avvicinarsi a Weerts, ma la Lamborghini non è mai stata in grado di tentare una affondo e il pilota dell’Audi ha mantenuto la calma per vincere con 2.8″ di vantaggio. Gachet ha portato la Sainteloc Audi in terza posizione, assicurando alla squadra francese il suo primo podio assoluto della stagione 2019.

Alle spalle del terzetto di testa, la Mercedes-AMG Falcon #4 Black Falcon Mercedes-AMG ha concluso un solido weekend per Luca Stolz e Maro Engel. Lo schieramento tutto tedesco ha conquistato punti importanti per la battaglia per il titolo Blancpain GT World Challenge Europe. La #11 Phoenix Racing Audi ha completato la top-five, assicurandosi il miglior risultato della stagione per Finlay Hutchinson e Frederic Vervisch.

Il sesto posto assoluto è andato al vincitore della Silver Cup. La battaglia per la vittoria di classe si è scatenata per tutta la seconda metà della gara, con Nico Bastian (#89 AKKA ASP Mercedes-AMG) che ha lottato duramente contro l’Audi #10 di Rik Breukers. Quando mancavano quattro minuti alla fine della gara l’asso della Mercedes-AMG si è fatto strada mentre Breukers è scivolato al terzo posto dietro la #62 R-Motorsport Aston Martin.

La vittoria in pro-Am è andata a Hiroshi Hamaguchi e Phil Keen sulla Lamborghini #519 Orange1 FFF Racing Lamborghini. I due si sono classificati secondi in pista ma sono stati promossi al primo posto quando la Ferrari #333 Rinaldi Racing Ferrari è stata sanzionata con una penalità di 30 secondi dopo la gara.

Nella classe Am Cup, HB Racing ha completato un weekend perfetto che ha visto la squadra austriaca in testa in ogni sessione con la sua Ferrari #444. Dopo essere stata in testa in entrambe le prove libere, la squadra si è assicurata una doppia pole in Am Cup prima di vincere entrambe le gare. La gara di domenica ha visto Wolfgang Triller gestire il primo stint prima di passare il testimone a Florian Scholze che è transitato primo sotto la bandiera a scacchi.

Il Blancpain GT World Challenge Europe tornerà in azione tra due settimane, quando il circuito olandese Zandvoort farà il suo ritorno al calendario. Prima di questo, molti dei piloti che hanno gareggiato a Misano si recheranno direttamente in Belgio per disputare due giorni di test ufficiali (2/3 luglio) in vista dell’evento clou della stagione, la 24 Ore di Spa.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com