Pubblicità

Ci sono volute 7 prove prima che trovassimo un pilota diverso da Tim Gajser la, in prima posizione. Abbiamo atteso ed è arrivato Romain Febvre a dare spettacolo in questo round MXGP a Loket. Il gran premio della Repubblica Ceca è da sempre qualcosa di unico, uno dei circuiti più belli, il tracciato per eccellenza nel cuore d’Europa. Se nella MXGP di spettacolo ce n’è stato, nella MX2 non ne abbiamo minimamente avuto.

MXGP

Jeremy Seewer ci ha fatto divertire in questi ultimi appuntamenti del mondiale motocross 2019. Lo svizzero vola ed è sempre a podio o immediatamente al di sotto dello stesso. E’ Seewer a conquistare la holeshot e schizzare fuori dal gruppo inseguito e braccato dalla Yamaha di Febvre. I due piloti ufficiali Yamaha comandano ed, in un guizzo di potenza, vediamo una Kawasaki numero 77 volare. E’ Alessandro Lupino rientrato per questo round di MXGP a Loket dopo l’incidente in Russia. Il pilota di Viterbo è 10° ma la fatica, ben presto, prende il sopravvento.

Con un attacco deciso, Febvre conquista la prima posizione mentre alle spalle di Seewer, Tim Gajser non si prende rischi. Il pilota sloveno alza il ritmo verso la fine della prima manche passando il pilota elvetico e mettendosi alla ricerca di Febvre. Lo sloveno tenta il tutto per tutto ma Febvre è un osso durissimo. Vince il francese della Yamaha la prima manche della MXGP di Loket davanti a Tim Gajser e Jeremy Seewer. Ivo Monticelli termina 16° in difficoltà mentre Lupino e Bernardini escono dalla zona punti.

Classifica fotocopia anche in gara 2. Il pilota francese della Yamaha conquista la holeshot e conduce la gara da inizio a fine lasciando briciole agli avversari. Bella performance di Gajser che, tuttavia, non prende rischi e si accontenta del secondo posto assoluto. Terzo, ancora, stabile e duraturo Jeremy Seewer che conquista l’ennesimo podio stagionale.

Tim Gajser mantiene salda la tabella rossa a quota 582 punti contro i 405 di Jeremy Seewer che occupa la seconda posizione. Occupa, invece, il terzo posto Gautier Paulin a 379 punti. 177 punti di vantaggio per Gajser su Seewer, ormai il titolo sembra deciso per il fuoriclasse sloveno ma, si sa, una gara di motocross termina quando si passa sotto la bandiera a scacchi.

MX2

Holeshot, giro veloce e vittoria. Di chi stiamo parlando ? Ma certo, di Jorge Prado. Lo spagnolino del team KTM ufficiale conquista la sua ennesima vittoria dopo aver dominato la prova ceca del mondiale MX2. Nessuno ha tenuto il ritmo del pilota spagnolo terminando la prova con 8 secondi di vantaggio su Henry Jacobi.

Il pilota tedesco della Kawasaki stringe i denti ed, anzi, rifila 3 secondi ad un signor nessuno come Thomas Olsen. Paura per Tom Vialle e Calvin Vlaanderen che sono stati vittime di un brutto incidente sulle battute iniziali di gara, fortunatamente senza conseguenze.

Prova fotocopia di gara 1 per Prado nella seconda manche di Loket. Lo spagnolo vince con 10 secondi su di un ottimo Adam Sterry. Il compagno di squadra di Jacobi intrattiene una bellissima bagarre con il tedesco della Kawasaki portando un ottimo risultato al team F&H Racing.

Con un titolo praticamente già vinto per Prado, la battaglia è accesa per la seconda e la terza posizione in campionato. Olsen è ancora secondo a 90 punti di distacco dallo spagnolo. Il danese è a quota 504 contro i 391 di Geerts, i 380 di Vialle ed i 379 di Jacobi. Solo la fine di questo campionato ci dirà chi sarà “il primo degli altri”.

CLICCA QUI per i risultati completi di MXBars.net

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com