Pubblicità

E’ ritornata in scena a Misano la MotoE dopo l’appuntamento in Austria al Red Bull Ring dello scorso 11 agosto. In quest’ultimo weekend, la MotoE ha corso la sua terza e penultima tappa svolgendo due gare a Misano, nel circuito di San Marino delle Riviera di Rimini.

Il vincitore acclamato di questo weekend è stato Matteo Ferrari che ha vinto entrambe le manche grazie anche all’eccellente lavoro del suo team, il Trentino Gresini MotoE.

Le prove

La prima manche del weekend di Misano sarà ricordata nello sport italiano per aver visto la prima vittoria di un pilota italiano nel mondo delle moto elettriche. Infatti, l’ha spuntata su tutti Matteo Ferrari ma, dietro di lui, c’erano Simeon e Garzò. I due mastini erano pronti a sorpassare il riminese al suo minimo errore. Tuttavia, entrambi sono rimasti rispettivamente in seconda e terza posizione.

Gara 2 la conquista, con una doppietta, Matteo Ferrari che si allontana in classifica generale dagli altri piloti portandosi sempre più vicino all’obiettivo di inizio anno: il titolo. Dietro di lui Garzó ed un ottimo Casadei che agguanta il terzo posto finale.

L’uomo di casa

Peccato per le prestazioni di Alex De Angelis, l’idolo di casa, in entrambe le gare, decisamente deludenti. Partito dalla pole position le aspettative erano davvero alte per il sammarinese. In entrambe le manche, però, è stato costretto al ritiro e l’unico risultato che ha portato a casa De Angelis dal suo GP di casa è un pesante doppio 0.

La classifica

La classifica parla chiaro. Al momento in testa, con soli due punti di distacco da Xavier Simeon, c’è Matteo Ferrari mentre, in terza posizione, troviamo Mike Di Meglio.

Gli altri portacolori italiani li troviamo al sesto posto con Niccolò Canepa, Mattia Casadei in nona posizione e Lorenzo Savadori in quindicesima posizione.

Matteo Favaro

Credits photo: Fabrizio Carrubba

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com