La stagione 2020 della IndyCar Series partirà il 6 giugno dalla Genesys 300 al Texas Motor Speedway e l’evento sarà disputato a porte chiuse per via delle restrizioni sociali per contrastare l’epidemia di coronavirus.

Oltre ad essere a porte chiuse, la gara verrà condensata in un giorno ed accorciata a 200 giri nell’ovale da 1,5 miglia vicino a Fort Worth, nel Texas che per il 34° anno di fila ospiterà le monoposto a ruote scoperte della serie americana.

Le monoposto scenderanno in pista dalle 13:30 alle 15:30 per due ore di prove libere a cui seguiranno, alle ore 17:00, la sessione di qualificazione mentre la gara partirà alle ore 19:45 locali. Tutto l’evento sarà coperto in diretta dalla NBC Sport.

“Siamo entusiasti e pronti a dare il via alla stagione NTT IndyCar Series al Texas Motor Speedway”, ha dichiarato jay Frye, presidente di IndyCar. “Abbiamo lavorato a stretto contatto con Eddie Gossage, l’intero team di TMS e i funzionari della sanità pubblica su un piano d’azione che garantirà la sicurezza dei partecipanti all’evento insieme a un emozionante ritorno alla competizione per i nostri piloti, team e spettatori che si sintonizzano da tutto il mondo.”

“Uno dei più grandi eventi sportivi del mondo, l’Indy 500, è stato rinviato ad agosto, quindi tutta quell’energia repressa, le frustrazioni e l’ansia si scaricheranno nel sistema nervoso dei piloti. Tipicamente, il Genesys 300 si traduce in un fotofinish a 220 mph.” ha dichiarato Eddie Gossage, presidente e direttore generale di Texas Motor Speedway.

Al fine di aiutare a proteggere i partecipanti e i funzionari di IndyCar e TMS, ci saranno severe linee guida di accesso che limitano il numero di personale in loco, un sistema di screening sanitario amministrato a tutti i partecipanti, attrezzature PPE fornite a tutti coloro che entrano nella struttura, insieme a linee guida sull’utilizzo, protocolli di distacco sociale in atto e attentamente mantenuto e un layout di concorrenza rivisto per aumentare la distanza.

Gossage e il governatore del Texas Greg Abbott hanno rilasciato una dichiarazione che recita:

“Il motorsport fa parte della cultura texana e siamo entusiasti dell’opportunità di riportare questa straordinaria esperienza al popolo del Texas e a tutti gli americani. La salute pubblica rimane la nostra priorità assoluta e i protocolli per questa gara sono stati sviluppati in collaborazione con i funzionari della sanità pubblica. Il popolo americano è ansioso di guardare i loro sport dal vivo preferiti e questa gara serve come esempio di come possiamo tenere responsabilmente eventi sportivi, dando priorità alla salute dei partecipanti e del pubblico.

“Mentre sappiamo che molti texani sono pronti a partecipare alle gare di persona, questo piano fornisce una soluzione che consente agli americani di godere di questa tradizione dal comfort e dalla sicurezza delle loro case in risposta alla situazione al COVID-19. Siamo grati per la partnership con IndyCar e siamo orgogliosi che il Texas sia in prima linea nell’aprire queste esperienze culturali e di intrattenimento a tutti gli americani.”

Rispondi