Dominque Aegerter (Dynavolt Intact GP) esce vittorioso da Gara 1, la battaglia avvincente, del Gran Premio TISSOT dell’Emilia-Romagna e della Riviera di Rimini. Il pilota svizzero ha battuto sul traguardo i rivali con cui si contende il titolo: Jordi Torres (Pons Racing 40) e Matteo Ferrari (Trentino Gresini MotoE) con quest’ultimo che perde una posizione al traguardo per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro.

Il campione in carica scatta dalla seconda posizione strappando subito il comando della corsa all’autore della E-Pole, Torres, che passa in terza piazza provvisoria. Già al primo giro Lukas Tulovic (Tech3 E-Racing) è protagonista di un highside alla curva 2 quando si trovava in mezzo al gruppo, ma per fortuna tutti i piloti hanno evitato il tedesco a terra. Il portacolori del Tech3 ha riportato una frattura al terzo osso del metacarpo della mano destra e accusa fin da subito dolore alla caviglia destra. I medici decideranno domani mattina (domenica 20 settembre) se sarà in grado di affrontare Gara 2.

Al terzo giro Eric Granado (Avintia Esponsorama Racing) sembra impaziente di raggiungere la testa della corsa e, dopo aver superato Mattia Casadei (Ongetta SIC58 Squadracorse), tenta un sorpasso all’interno su Xavier Simeon (LCR E-Team) alla curva 4. Il brasiliano perde il controllo dell’anteriore della sua Energica Ego Corsa e finisce a terra portando con sé il belga. Ciò significa che entrambi partiranno dal fondo della griglia di partenza in vista di Gara 2.

A tre giri dal termine, Aegerter tenta un sorpasso su Torres alla curva 14 ma lo spagnolo riesce a difendere la seconda posizione dando così un po di respiro a Ferrari. Ma è all’inizio dell’ultimo giro che Aegerter tenta un’altro attacco su Torres alla prima curva. Ferrari è ancora in testa mentre i due piloti alle sue spalle si punzecchiano ma lo svizzero non tarda ad arrivare. Aegerter segue la scia del suo rivale per poi entrare all’interno di Ferrari che così perde il comando della gara.

Nel tentativo di aggiudicarsi la vittoria, Ferrari supera i limiti della pista alla curva 16 e viene retrocesso di una posizione, passando così al terzo posto mentre Torres si prende la seconda posizione. I primi tre al traguardo sono distaccati di 0,103 secondi e sono i tre principali contendenti al titolo. Aegerter estende il suo vantaggio in classifica di 19 punti su Torres, con Ferrari che passa in terza posizione in classifica generale.

Casadei conquista il suo quarto posto al traguardo seguito da Tommaso Marcon (Tech3 E-Racing) a completare la top 5. Niccolò Canepa (E-Team del Team LCR). Alejandro Medina (Openbank Aspar Team), Joh Hook (Octo Pramac MotoE), Xavi Cardelus (Avintia Esponsorama Racing) e Alessandro Zaccone (Trentino Gresini MotoE) completano la top 10.

Alex de Angelis (Octo Pramac MotoE) e Mike Di Meglio (EG 0,0 Marc VDS) sono caduti in Gara 1 e per fortuna non hanno riportato infortuni.

I primi 10 classificati:

1. Dominque Aegerter – (Dynavolt Intact GP)
2. Jordi Torres – (Pons Racing 40) – +0.103
3. Matteo Ferrari – (Trentino Gresini MotoE) – +0.075*
4. Mattia Casadei – (Ongetta SIC58 Squadracorse) – +2.531
5. Tommaso Marcon – (Tech3 E-Racing) – +6.578
6. Niccolò Canepa – (LCR E-Team) – +7.695
7. Alejandro Medina – (Openbank Aspar Team) – +8.277
8. Josh Hook – (Octo Pramac MotoE) – +8.336
9. Xavi Cardelus – (Avintia Esponsorama Racing) – +8.553
10. Alessandro Zaccone – (Trentino Gresini MotoE) – +8.640
*Ha perso una posizione per scontare una penalità

Rispondi