Il Campione del Mondo della Yamaha dovrà scontare un Long Lap penalty nel prossimo Gran Premio a Silverstone dopo la collisione con Espargaro durante la gara di Assen.

Un Gran Premio d’Olanda totalmente da dimenticare per Fabio Quartararo: il Campione del Mondo è caduto nel corso del quinto giro mentre cercava di superare l’Aprilia di Espargaro all’interno della curva 5.

Il pilota della Yamaha ha perso l’anteriore della sua M1 ed è scivolato sull’incolpevole Espargararo, che è stato costretto ad andare sulla ghiaia perdendo oltre otto secondo e rientrando in 15° posizione.

Anche Quartararo è riuscito a tornare in pista ma è rientrato ai box pochi giri dopo a causa dei gravi danni riportati alla moto durante la caduta e rispedito in pista dal team qualche minuto dopo, prima di ritirarsi definitivamente qualche giro più tardi.

La manovra di Quartararo non è passata inosservata dalla direzione gara che ha deciso, dopo la gara, di penalizzare il francese con un long lap penalty che dovrà scontare a Silverstone in occasione del prossimo Gran Premio di Gran Bretagna.

Dopo la gara di Assen, Quartararo ha messo in dubbio la decisione della squadra di rispedirlo in pista dopo la prima caduta e ammette di essere stato fortunato a non aver avuto conseguenze fisiche dopo la seconda caduta.

“Non lo so perchè la squadra abbia deciso di rimettermi in pista dopo la prima caduta. Ero ad un giro da tutto e il team mi ha detto di tornare fuori perchè forse stava arrivando la pioggia. Appena uscito ho cercato di spingere più forte che potevo, ma ho dovuto mollare perchè sentivo un problema alla moto prima di cadere nuovamente e rischiarmi di farmi male.”

Quartararo ha bollato la sua caduta con Espargaro come un “errore da principiante” e ha ritenuto che il pilota Aprilia avrebbe potuto vincere la gara di domenica dato il ritmo che ha poi mostrato rimontando il gruppo fino al quarto posto.

Col quarto posto di Espargaro sul traguardo e con lo zero rimediato da Quartararo, il pilota Aprilia si porta a soli 21 punti dal pilota Yamaha e a lotta al Mondiale si fa sempre più intensa.

Rispondi