Un week – end dolce amaro quello di EasyRace al Mugello concluso con una prestazione superba da parte del trio Mazzola – Coluccio – Postiglione nel secondo round CIGT Endurance.

La 488 Challenge del trio italiano arriva alla domenica di gara con nessun giro portato a termine dato la rottura del cambio nella sessione di prove libere del venerdì perpetuato poi anche per tutta la giornata del sabato. Ultimo posto in griglia senza alcun tempo e molta preoccupazione, questi sono i sentimenti che si respirano all’interno del box del team padovano.

La gara è uno spettacolo di aggressività e perseveranza. Postiglione apre le danze rimontando dalla tredicesima alla seconda posizione in un pugno di giri. Il dramma di EasyRace inizia al pit stop con un problema idraulico che fa cedere i martinetti di rialzo. I ragazzi del team sono costretti ad un pit “vecchio stampo” sollevano l’auto con un crick e perdendo innumerevoli secondi ai box.

Coluccio prende il posto di Postiglione e cerca la rimonta. Dopo due giri, la nube di polvere si alza all’altezza delle Arrabbiate. La posteriore destra del pilota di Potenza esplode costringendo il team ad un altro infinito pit stop.

La rimonta è straordinaria e, dopo un ultimo passaggio in pit lane, Mazzola termina l’impresa con un comeback straordinario dal 13° al 3° posto assoluto.

“E’ stato un week-end infernale” commenta Michele Paccagnella, head di EasyRace “al Mugello non si possono commettere errori e abbiamo fatto di tutto per essere perfetti. Purtroppo, la sfortuna ci ha perseguitato e abbiamo trovato difficoltà immense. Un grazie speciale va ai nostri piloti per lo straordinario lavoro in pista ma anche a tutti i nostri meccanici e i ragazzi del team. Ore di lavoro fino a notte fonda e una dedizione straordinaria ci hanno permesso di arrivare a podio in una gara tutt’altro che semplice”.

Credits Photo: Elisa Castelli – EasyRace

Rispondi