Non c’è pace a quanto sembra in questa Dakar. Siamo solo alla seconda tappa e già si registrano incidenti gravi. Se ieri ad avere la peggio era stato un incauto spettatore, posizionato troppo vicino al tracciato, ed investito a soli 200 metri dalla partenza della speciale auto, oggi si deve registrare il brutto incidente di Carles Falcon.

Falcon è caduto al chilometro 448 della speciale tra Al Henakiyah ed Ad Duwadimi, in un tratto roccioso. Il motociclista che lo seguiva nel tratto roccioso si è subito fermato per prestare i primi soccorsi nell’attesa dell’arrivo dell’equipe medica. Purtroppo il 45enne spagnolo nella caduta ha picchiato violentemente il capo ed all’arrivo dei soccorsi era privo di polso. È stato rianimato sul posto prima del trasporto in ospedale, dove le sue condizioni sono state definite gravi.

La cronaca di gara passa ovviamente in secondo piano dopo eventi di questo tipo. Ma il dovere impone di informare che Ross Branch, vincitore della tappa di ieri, mantiene la testa della classifica generale tra le moto, nonostante la vittoria odierna di Ignacio Cornejo Florimo, in sella alla Honda. Tra le auto arriva il successo di Stephane Peterhansel, anche se la leadership della categoria auto la conquista un altro veterano: Carlos Sainz alla guida della Audi

Moto: Ross Branch alla guida della Dakar

Tappa lunga e complicata quella di oggi, che alla fine vede comandare la classifica dei tempi la Honda di Josè Ignacio “Nacho” Cornejo Florimo. Il cileno chiude i 463 chilometri di prova speciale (su un totale di 655 chilometri) con il tempo di 4 ore, 24 minuti e una manciata di secondi. Alle sue spalle la Husqvarna ufficiale di Luciano Benavides, che precede l’altra Honda ufficiale del Monster Energy Team di Pablo Quintanilla. Il leader provvisorio dopo la tappa di ieri, Ross Branch, non va oltre l’undicesima posizione oggi, ma riesce comunque a mantenere la testa della classifica generale. Per il pilota Hero il distacco da Cornejo è di poco inferiore ai 12 minuti.

Nella top-ten di giornata rientrano altri big, tra cui Ricky Brabec, Sam Sunderland e Toby Price, tutti e tra in fila dalla quinta alla settima posizione. Ottima la prestazione del nostro migliore italiano, Paolo Lucci, 21esimo di giornata a poco più di 21 minuti dal leader.

Auto: lotta tra le vecchie volpi. Tappa a Peterhansel davanti a Loeb, generale a Sainz

I grandi nomi del Rally e dei Raid dominano la giornata di oggi. Nomi del calibro di Stephane Peterhansel, 14 volte vincitore della Dakar tra auto e moto. Oppure di Sebastien Loeb, che vanta ben 9 titoli iridati nel Mondiale rally WRC. Aggiungiamo anche al menù di giornata un altro mostro sacro come Carlos Sainz, due titoli WRC e tre Dakar vinte. Oggi queste stelle hanno brillato nel corso della seconda tappa.

Stephane Peterhansel si aggiudica la tappa odierna regolando per soli 29 secondi Sebastien Loeb. Una tappa più che combattuta nella prima frazione di 170 chilometri, punto in cui 10 vetture sono transitate con uno scarto veramente limitato. Sulla lunghezza però il ritmo dei francesi ha avuto la meglio, mentre perdevano terreno Nasser Al Attiyah e anche Carlos Sainz. Il traguardo premia la Audi, mette al secondo posto il Prodrive Hunter con i colori del Bahrain Raid Xtreme e regala il gradino più basso del podio a Seth Quintero, con la Toyota Gazoo. Al-Attiyah contiene i danni con il quarto posto, mentre a Carlos Sainz basta un ottavo posto ad oltre 17 minuti per prendersi la testa della corsa, grazie alla debacle di De Mevius, vincitore ieri, ma solo 19esimo oggi.

Dakar 2024 – Classifica tappa 2

Moto:

  1. Jose Ignacio Cornejo Florimo – Monster Energy Honda Team – 04H 24’ 17”
  2. Luciano Benavides – Husqvarna Factory Racing – +00H 05’ 59”
  3. Pablo Quintanilla – Monster Energy Honda Team – +00H 06’12”

Auto:

  1. Stephane Peterhansel – Team Audi Sport – 03H 54’ 40”
  2. Sebastien Loeb – Bahrain Raid Xtreme – +00H 00’ 29”
  3. Seth Quintero – Toyota Gazoo Racing – +00H 03’ 11”

Dakar 2024 – Classifica generale

Moto:

  1. Ross Branch – Hero Motorspors Team Rally – 09H 50’ 05”
  2. Jose Ignacio Cornejo Florimo – Monster Energy Honda Team – +00H 02’ 55”
  3. Ricky Brabec – Monster Energy Honda Team – +00H 07’ 15”

Auto:

  1. Carlos Sainz – Team Audi Sport – +08H 49’ 38”
  2. Yazeed Al Rajhi – Overdrive Racing – +00H 01’ 51”
  3. Sebastien Loeb – Bahrain Raid Xtreme – +00H 04’ 17”

Credito fotografico ©Lulop.com