Pubblicità

La W Series, la categoria a ruote scoperte riservata interamente al gentil sesso, fa da contorno alla Formula 1 per i Gran Premi degli Stati Uniti e Città del Messico.

Questi eventi rappresenteranno le ultime due gare, su un totale di otto, della serie che è nata nel 2019 e che ha visto trionfare il pilota dello sviluppo della Williams, Jamie Chadwick.

La gara degli Stati Uniti si svolge il 24 ottobre sul Circuito delle Americhe di Austin e il Messico una settimana dopo all’Autodromo Hermanos Rodriguez e in entrambe le occasioni si correrà al sabato pomeriggio dopo le qualifiche della Formula 1.

“Siamo lieti di dare il benvenuto alla serie W come gare di contorno a due eventi del campionato del mondo di Formula 1 2020, come quelli di Austin e Città del Messico”, ha affermato Ross Brawn.

“In appena un anno, la W Series ha contribuito in modo significativo ad aumentare l’interesse per il tema della diversità e dell’inclusione nel motorsport. Siamo convinti che il nostro sport debba offrire pari opportunità a uomini e donne per competere insieme e non è un caso che migliorare la diversità della griglia di F1 sostenendo e promuovendo il talento dei piloti provenienti da contesti sottorappresentati sia uno dei nostri obiettivi strategici.

“La capacità per le grandi folle che tradizionalmente frequentano il Gran Premio di Austin e Città del Messico di vedere da vicino queste talentuose donne pilota, aumenterà sicuramente la consapevolezza dell’importanza dell’inclusione e della diversità nel motorsport.”

Catherine Bond Muir, Amministratore delegato della W Series, ha aggiunto: “Noi della W Series siamo assolutamente contenti che, solo nella nostra seconda stagione, il nostro campionato sia stato accolto con favore dalla Formula 1, e siamo assolutamente entusiasti che le ultime due gare del 2020 si svolgeranno nell’ambito della piattaforma di Formula 1.

“A queste due nuove gare ne seguiranno sei gare come contorno al DTM, realizzando un campionato di otto gare molto vario, estremamente emozionante e internazionale, in otto paesi in tutto il mondo. 

“L’interesse e l’entusiasmo per la W Series sono stati enormi nella nostra prima stagione nel 2019, sia per i media che per i fan, e l’aggiunta di due nuovissime gare come contorno alla Formula 1 aumenterà inevitabilmente tale entusiasmo e interesse.

“Sono stati fatti molti lavori per ricucire insieme l’accordo W Series e Formula 1, ma soprattutto voglio ringraziare i piloti della W Seris, le giovani donne coraggiose e di talento che hanno catturato l’immaginazione del mondo sportivo la scorsa estate. Segna le mie parole: lo faranno di nuovo quest’anno, da maggio a ottobre, in tutto il mondo. ”

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com