Pubblicità

Sette team di Formula 1 hanno rilasciato una dichiarazione congiunta che esprime il loro disappunto per la dichiarazione rilasciata venerdì dalla FIA che affermava di aver raggiunto un accordo con la Ferrari dopo aver analizzato a fondo la Power Unit del team italiano nella passata stagione.

L’organo di governo della F1, la FIA, ha trascorso diversi mesi ad analizzare la PU della Ferrari, che era emersa come la migliore nel 2019, dando a Sebastian Vettel e Charles Leclerc un grande vantaggio, a volte anche fino a mezzo secondo sui rettilinei.

I rivali avevano diverse teorie su come avevano ottenuto quel vantaggio, ma la Ferrari ha negato qualsiasi illecito. Sono state emesse una serie di direttive tecniche, documenti che mirano a chiarire le regole in caso di ambiguità, ed è stata istituita una nuova norma per il doppio sensore del flusso di carburante . Dopo la conclusione dell’analisi, la FIA ha dichiarato di aver raggiunto un “accordo” con la Ferrari e che “i dettagli dell’accordo rimarranno tra le parti”.

Questo non è andato bene a sette dei loro team rivali (McLaren, Mercedes, Racing Point, Red Bull, Renault, AlphaTauri e Williams) che vogliono risposte dalla Federazione. Il settetto, che non includeva Haas e Alfa Romeo, ha rilasciato una dichiarazione congiunta mercoledì mattina.

“Noi, i team sottoscritti, siamo rimasti sorpresi e scioccati dalla dichiarazione della FIA di venerdì 28 febbraio in merito alla conclusione delle sue indagini sulla Power Unit della Scuderia Ferrari”, si legge. “La FIA ha la responsabilità di agire con i più alti standard di governance, integrità e trasparenza. Dopo mesi di indagini che sono state intraprese dalla FIA solo a seguito di domande sollevate da altre squadre, ci opponiamo fermamente al fatto che la FIA raggiunga un accordo riservato con la Ferrari per concludere la questione. Pertanto, dichiariamo pubblicamente il nostro impegno condiviso a perseguire una divulgazione completa e adeguata in materia, al fine di garantire che il nostro sport tratti tutti i concorrenti in modo equo. Lo facciamo per conto dei fan, dei partecipanti e delle parti interessate della Formula 1. Inoltre, ci riserviamo il diritto di chiedere un risarcimento legale, nell’ambito del giusto processo della FIA e dinanzi ai tribunali competenti.”

Venerdì pomeriggio è stato diffuso lo sgomento nel paddock di Barcellona, quando un comunicato stampa della FIA è stato diramato pochi minuti prima che i test pre-stagionali si chiudessero.

Ciò ha fatto meravigliare i rivali della Ferrari. Erano molto scontenti dell’affermazione e ritenevano che fosse una conclusione insoddisfacente e hanno discusso i passi successivi e rilasciando la dichiarazione collettiva di questa mattina. Le sette squadre vogliono risposte poiché sentono che lo sport e i suoi fan, così come le squadre, meritano trasparenza e sono disposti a spingere per questo.

Attendiamo ora la risposta della FIA. Come suggerito dalle sette squadre nella dichiarazione, è possibile che possano cercare un ricorso legale, il che significa che questo problema potrebbe essere trascinato in tribunale. È in atto un processo della FIA in cui tali questioni possono essere affrontate, culminando con la Corte internazionale di appello, che è un organo indipendente, e il tribunale di appello finale per il motorsport internazionale. L’intenzione, tuttavia, sarebbe quella di ottenere risposte prima di dover percorrere questa strada.

Fa ridere che un team, che nel 2013 ha palesemente violato il regolamento effettuando quel famoso test a Barcellona, si appelli agli alti standard di integrità, trasparenza e governance ma c’è da essere preoccupati su come questa vicenda, segnerà la F1: se si troverà una soluzione bonaria lo spettacolo continuerà, ma se gli attriti rimangono, cosa resterà della F1?

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

Rispondi