Pubblicità

Ancora una vola Charles Leclerc parte in pole position, questa volta valida per il Gran Premio dell’Azerbaijan, ottava prova del Mondiale di Formula 1. Il monegasco della Ferrari porta a quindici le pole conquistate in carriera e la sesta nel campionato sesta della stagione 2022. Alle spalle del pilota Ferrari, purtroppo non c’è l’altra Rossa ma le due Red Bull Racing, con Sergio Perez che parte ancora una volta davanti a Max Verstappen. Solo quarto, infatti, l’altro ferrarista Carlos Sainz che ha perso il suo momento per cogliere la prima fila nell’ultimo tentativo.

Per la Ferrari è stata una pole, figlia del talento di Leclerc inaspettata su una pista difficile ed ostica per la SF-75. Un risultato che consente al pilota monegasco di potersi difendere potendo contare su un alleato importante come Sergio Perez ormai sempre più in concorrenza diretta con Max Verstappen. Da parte sua è la seconda pista dove non riesce a trovare il giusto bilanciamento per tenere il passo di Perez. Ma avere due RedBull alle spalle di Leclerc lo mette nelle migliori condizioni per poter allungare in campionato durante la gara di domani.

Nonostante saltellasse come un canguro, comunque la Mercedes è riuscita a fare una buona qualifica. George Russell ha chiuso in quinta posizione, ma sol settimo Lewis Hamilton. Tra le due Frecce d’Argento si pizza un ottimo Pierre Gasly prima delle AlphaTauri. Il team faentino ha mostrato ottime prestazioni con Yuki Tsunoda in ottava posizione. Chiudono la Top ten Sebastian Vettel con l’Aston Martin e Fernando Alonso con la Alpine.

Delusione per la McLaren con Lando Norris e Daniel Ricciardo primi esclusi dai primi dieci rispettivamente in undicesima e dodicesima posizione. Non benissimo nemmeno le Alfa Romeo, a Baku Zhou che sopravanza Bottas e partiranno quattordicesima e quindicesima posizione. Ancora una volta una prestazione sottotono per Mick Schumacher che partirà dal fondo dello schieramento.

Per la gara di domani, partire primo per Leclerc è una colpo importantissimo. In una pista teoricamente sfavorevole partire davanti alle due RedBull costringerà i due piloti alle sue spalle a lottare per la vittoria, soprattutto dopo che Sergio Perez si è rimesso in corsa per il mondiale in scia al compagno Max Verstappen. Se Sainz non si dà una sveglia, il contrasto tra i due della RedBull è il migliore alleato di Leclerc per il titolo.

Pubblicità

Rispondi