Per la serie, c’è ancora qualche costruttore che crede nei segmenti canonici dell’automobile, Opel affianca alla nuova Astra anche la versione familiare denominata Sports Tourer. Il design estende il concetto ‘bold and pure’ creando una station wagon compatta dalle linee filanti. La dotazione tecnologica è innovativa con un posto guida che introduce un il concetto di controllo tramite il Pure Panel completamente digitale ma allo stesso tempo intuitivo.

Un rapporto prezzo/dotazioni record per la categoria. L’Astra Sport Tourer parte da un listino di 25.500 euro ed ha nella dotazione di serie dei nuovi sistemi di assistenza alla guida. La dotazione comprende l’allerta incidente con frenata automatica di emergenza, rilevamento pedoni, allerta in caso di involontario superamento dei limiti di carreggiata, riconoscimento cartelli stradali, rilevamento stanchezza e cruise control con limitatore di velocità intelligente. Nella lista degli optional sono disponibili l’head up display che consente a chi guida di restare sempre concentrato sulla strada.

Ampio spazio per passeggeri e bagagli

Le dimensioni sono da vettura media con una lunghezza di 4.642mm per 1.860mm di larghezza e 1.480mm mm di altezza. La soglia di carico è ampia con i suoi 600 mm. Il passo di 2.732 mm, aumentato di +70 mm rispetto alla berlina garantisce un ampio spazio per le gambe dei passeggeri posteriori. Il vano di carico che può arrivare a 1.634 litri, con i sedili abbattuti riducendosi a 1.533 litri per la versione Hybrid Plug-In.

Il bagagliaio, in particolare, può essere sfruttato al meglio grazie a soluzioni pratiche come il piano di carico mobile “Intelli-Space”, che può essere disposto a due altezze diverse oppure a un angolo di 45 gradi. Per una comodità ancora maggiore, si può riporre la cappelliera retraibile quando il piano mobile è in posizione alta o bassa.

Interni con tecnologia Pure Panel

La presenza del Pure Panel nell’abitacolo introduce una nuova interfaccia uomo-macchina (HMI) completamente digitale. I comandi di bordo sono utilizzabili grazie ai larghissimi schermi con la stessa logica di funzionamento di uno smartphone. Alcuni comandi come quelli del climatizzatore, invece, restano ad azionamento con tasti fisici. Il sistema multimediale consente di gestire la connettività e si collega con le app di Apple CarPlay e Android auto anche wire less con gli smartphone compatibili.

I sedili anteriori hanno ottenuto la certificazione AGR risultando i migliori nella categoria distinguendosi per l’elevato numero di regolazioni, con la possibilità di avere l’inclinazione elettrica dello schienale ed il sostegno lombare elettropneumatico. Le finiture degli allestimenti più ricchi sono in Nappa con funzioni di ventilazione e massaggio lato guidatore ed il riscaldamento anche per i sedili posteriori.

Ampia gamma di motorizzazioni anche diesel e PHEV

La gamma motori parte dal turbo benzina 1.2 litri tre cilindri a iniezione diretta da 110 CV e 130cv con cambio manuale a sei rapporti, con consumo dichiarato nel ciclo misto secondo le norme WLTP da 5,7-5,5 l/100 km. Nel rispetto della filosofia Opel che vuole l’elettrificazione diffusa dei suoi modelli anche la nuova Astra Sport Tourer sarà disponibile plug in hybrid a partire da 36.300 euro.

Il sistema PHEV di tipo parallelo eroga una potenza complessiva di 180 CV e 360 Nm di coppia massima garantendo una guida sportiva e consumi contenuti con un basso valore di emissioni inquinanti. Secondo il ciclo WLTP la Hybrid Plug in dichiara un valore da 1,2-1,1 l/100 km con la possibilità di poter percorrere fino a 60 chilometri, secondo il severo ciclo di omologazione WLTP2, in modalità puramente elettrica. Successivamente nel corso del 2023, ci sarà anche una versione completamente full elettrica, unica nel segmento delle wagon compatte versione elettrica 2023.

Dotazione tecnologica di alto livello

La Opel Astra Sports Tourer adotta come la sorella a cinque porte al centro della calandra il nuovo Opel Vizor. Questo elemento integra tecnologie al vertice della categoria come i fari anteriori attivi Intelli-Lux LED Pixel con funzione adattiva antiabbagliamento. Il sistema luminoso dispone di 168 elementi LED preso a prestito dalle sorelle maggiori Opel Insignia e Opel Grandland.  La finitura esterna prevede anche la possibilità di avere la verniciatura bicolore con il posteriore che mette in mostra il classico disegno verticale della luce.

Prezzi

I prezzi partono dai 25.500 euro per la Edition 1.2 110cv fino ai 35.700 euro della Ultimate top di gamma 1.2 litri 130cv. Le versioni Hybrid Plug-in partono dai 36.700 euro della Edition fino ai 43.700 euro della Ultimate.

Le rivali: Un segmento per niente in crisi

Il segmento delle Compatte Station Wagon è tutt’altro che defunto. Un fetta di mercato che varia in funzione della motorizzazione, alimentazione ed allestimento con prezzi che partono dai 25.000 euro per finire a lambire anche i 40.000 euro. La nuova Astra Sports Tourer ha una gamma di motorizzazioni e versioni per coprire ogni zona del segmento C-Wagon, potendo soprattutto contare su una dotazione tecnologica di alto livello ad un prezzo tutto sommato contenuto.

In particolare, la motorizzazione 1.2 PureTech da 130cv appare quella più bilanciata che la pone ai vertici della categoria. In ogni caso non è facile affrontare l’accoppiata Nipponica composta da Suzuki SWace e Toyota Corolla. I due modelli condividono la piattaforma tecnica full hybrid coprendo la parte bassa del segmento con la Suzuki in versione 122cv 1.8 litri mentre alla Toyota resta il compito di coprire le zone alte, premium con la 2.0 litri Full Hybrid da 184cv.

La compatta familiare di Opel continua ad offrire anche la motorizzazione a gasolio, che però deve fare i conti con il pragmatismo italiano a basso costo dettato dalla Fiat Tipo SW con l’inossidabile ed immortale 1.6 Mjtd da 130cv ad un prezzo più contenuto. Il record di categoria per lo spazio a disposizione dei bagagli, invece, è dato dalla capienza del vano di carico della Skoda Octavia con i suoi 618 litri.

Rispondi