La Formula E ha svelato la nuova Gen3 Evo che verrà utilizzata dall’inizio della prossima stagione e che sarà caratterizzata da un significativo aumento delle prestazioni.

Le nuove specifiche della vettura sono state svelate giovedì sera in vista dell’E-Prix di Monaco di questo fine settimana, dove sarà anche mostrata in pubblico per la prima volta sabato dall’ex pilota di Formula 1 David Coulthard.

L’ultima sfidante del campionato completamente elettrico è un aggiornamento dell’attuale auto Gen3 che è stata utilizzata nelle ultime due stagioni, con modifiche primarie alla carrozzeria e agli pneumatici, oltre a un uso più efficiente della potenza.

L’accelerazione della vettura è stata sostanzialmente migliorata con un tempo da 0 a 100 km/h di 1,82 secondi che ora supera quello delle attuali vetture di F1, mentre le prestazioni generali sono state migliorate di circa due secondi rispetto a un giro di Monte Carlo.

Più significativamente, l’auto ora utilizzerà il propulsore anteriore che ha fatto parte della macchina Gen3 sin dal suo lancio ma non è ancora stato utilizzato, rendendolo per la prima volta a trazione integrale (AWD).

Una potenza massima di 50 kW verrà applicata all’asse anteriore dal limite di 350 kW, mentre la potenza rimanente sarà trasferita alle ruote posteriori, ma questo sarà consentito solo nei duelli di qualificazione, all’inizio della gara e durante entrambe le attivazioni dell’Attack Mode che ogni pilota deve effettuare.

Un’ala anteriore più robusta e nuovi sidepods portano l’auto ad avere una minore resistenza aerodinamica rispetto al modello precedente, mentre una nuova versione di pneumatici Hankook offrirà il 5-10% in più di aderenza rispetto a prima.

Il lavoro sulla nuova vettura è stato intrapreso dalla Formula E e dalla FIA per più di un anno, con il pilota ufficiale della safety car ed ex pilota Bruno Correia che ha svolto il ruolo di pilota di sviluppo del progetto.

L’auto è stata ufficiosamente svelata nel round precedente di Misano, dove la Formula E ha condotto attività mediatiche con la Gen3 Evo in pista prima della sua prima uscita pubblica a Monaco.

I team saranno in grado di aggiornare il telaio esistente con le modifiche, contribuendo a risparmiare sui costi e ridurre le parti in disuso, con l’introduzione della nuova auto che cade a metà del ciclo Gen3 prima dell’introduzione della Gen4 nel 2026.