Ora scriverò qualcosa che ai puristi dei prototipi potrebbe non piacere, anzi, sicuramente mi prenderò una valanga di insulti per questo post.

Domenica non ho guardato la gara in diretta, l´ho registrata e guardata la sera a casa; pensate, dopo una giornata in montagna passata tra mucche e grigliate, spero di arrivare a casa e vedere una emozionantissima gara di moto. E invece….per fortuna che la gara era registrata perchè l´ho mandata avanti veloce praticamente tutta!! La gara è stata di una noia mortale, ormai basta studiare il passo dei piloti e si può già sapere chi vincerà e con quali distacchi. Il succo del discorso che voglio fare è questo: quando Valentino Rossi lascerà le corse, la MotoGP chiuderà i battenti.

La DORNA, ovvero la società che gestisce il mondiale GP, si è approfittata davvero troppo in questi ultimi 10 anni della sola immagine di Rossi, lasciando da parte tutto il resto; i regolamenti sono decisi dalle case (e dalla Honda in primis) che hanno distrutto economicamente il circus della GP e stanno facendo soffrire quelle piccole ma fondamentali componenti che si chiamano Team Privati.

La Dorna è tenuta letteralmente per le orecchie dalla Honda che schiera 6 moto: basta che loro dicano che non possono più schierarne così tante, e tutti calano i pantaloni e accettano i ricatti dei giapponesi. Si è dunque abbandonato il 2 tempi in 500 ed in 250, è stata creata la motogp 1000 4Tempi, poi “per sicurezza” (ma quale? e di chi?) si è passati alle 800 cc di cilindrata (evento che Honda ha pagato a caro prezzo perchè non ha più vinto, ha speso un sacco di soldi inutilmente) ed ora sembra si voglia fare una classe mista 800cc/1000cc per ufficiali e privati in modo da far vincere anche i team più piccoli. E qui io mi infervoro…..Ma stiamo scherzando? che cosa fanno, la serie A e B nello stesso campionato? Per risparmiare fanno sviluppare altri motori ancora? Questa è follia signori, follia pura.

Ormai i veri appassionati si sono rotti di sentire queste boiate, di vedere gare noiose fatte da moto perfette che se cambia la temperatura di 1 grado non vanno più. La soluzione era semplice e davanti agli occhi di tutti gli ingegneri: andavano limitati gomme ed elettronica, non la cilindrata, e hanno fatto il lavoro a metà. È questione di fisica: i motori si sarebbero autoregolamentati perchè le eccessive potenze avrebbero distrutto le gomme (il monogomma sarebbe stato molto più utile in questo caso) ed un limite ai controlli elettronici avrebbe ridato valore ai piloti.

E allora che succede? Negli autodromi ci vanno gli schieramenti di tifosi da stadio, e non i veri appassionati che sono stufi di essere insultati solo perchè applaudono piloti diversi “dalla massa”. Perchè diciamoci la verità, gli italiani sono fatti così: il famoso effetto Panatta! Panatta vinceva, tutti a giocare a tennis; Tomba vinceva, tutti a sciare e maestri di sci; Rossi vince, tutti piloti e motociclisti….e poi appena il campione di turno smette di vincere tornano tutti a parlare di calcio.

La MotoGP si sta autodistruggendo senza accorgersene, per far parlare di sè devono inventarsi passaggi di mercato piloti ad aprile dopo appena 2 gare di campionato. Sono curioso di vedere come andrà a finire questo campionato, intanto la Dorna sta costruendo un nuovo Showman che si chiama Lorenzo, ma nessuno tra gli iberici ha messo in conto che in Italia (secondo mercato in quanto ad audience), appena svanirà “l´effetto Panatta”, guarderanno le gare solo quei 4-500.000 spettatori che c´erano nel ´94, e li il gioco finirà.

1 COMMENT

  1. Sono convinto che anche la gente abbia capito quanto scritto in questo post, ed è la principale ragione per cui i veri appassionati di moto, si stanno “trasferendo” sulle tribune degli autodromi sbk…
    Lo spettacolo non è paragonabile…
    Quando ci sarà l’addio di Rossi la motogp non la guarderà più nessuno! è una certezza…

Comments are closed.