Continuano le gare sull’ Isola di Man, straordinariamente all’ insegna del bel tempo. Come facilmente pronosticabile, sono sempre i soliti 2 a giocarsi la testa della corsa, ma stavolta è Ian Hutchinson a vincere con ben 10 secondi di margine  su Michael Dunlop dopo 4 velocissimi giri di gara a medie interessanti. Il “Bingley Bullet” porta la Yamaha R6 del team Traction Control alla vittoria finale, la quale equivale alla 12esima totale per il fortissimo pilota inglese. MD si accontenta (o forse no) di aver mantenuto il record sul giro per la classe Supersport, con la velocissima Honda CBR 600RR da egli stesso curata e preparata.

Ecco un video onboard del 2013, in cui Michael trionfò nella classe Supersport.

[youtube width=”800″ height=”600″]https://www.youtube.com/watch?v=YWZG1nhgwgg[/youtube]

A completare il podio ci pensano Dean Harrison e la Kawasaki ZX-6R del team Silicone Engineering, trionfatore lo scorso anno nella classe Lightweight.
Seguono Hillier, Cummins, McGuinness, Johnston, W. Dunlop, G. Johnson.
Piazzamento fuori dalla top 10 per la Wilson Craig’s Honda di Cameron Donald e ritiri in corsa per Hickman e Anstey.

hutt
Nessun italiano impegnato nell’ agguerrita classe delle 600, quindi auguriamo buona foruna a Stefano Bonetti, Marco Pagani e Alex Polita per le restanti gare.
Confermato ora tramita la pagina Facebook “Manx Radio TT” il ritardo di 15 minuti per la partenza della gara dedicata alle Superstock 1000.

Nicolò Modena