Kimi Raikkonnen afferma di non sapere come sarà posizionata l’Alfa Romeo nella gerarchia delle forze in Formula 1, dopo non essere riusciti ad esprimere tutto il potenziale durante i test invernali.

La squadra elvetica, al momento, sembra occupare le posizioni di centro gruppo, anche se non proprio in testa al gruppetto degli inseguitori come dimostrato nella prima settimana di test.

Raikkonen ha detto che non ha ancora trovato il limite della C38, ma ritiene che il team sia nella stessa situazione della concorrenza.

“E’ un mistero (riferendosi alla posizione della sua squadra). Daremo il massimo e vedremo come otterremo a Melborune. Non siamo al 100% e dove vogliamo essere, ma se chiedete anche agli altri probabilmente vi diranno la stessa cosa”

In merito al potenziale della sua AlfaRomeo C38, il finalndese afferma “Le condizioni in cui abbiamo provato sono sempre state diverse a causa del freddo e non abbiamo potuto spingere a fondo per il tempo sul giro. Abbiamo testato vari pneumatici e dobbiamo ancora capire il loro comportamento. E’ stato difficile ottenre un tempo sul giro con le gomme morbide.

Prenderemo i dati dei test per vedere se in Australia, col caldo, le cose cambieranno.”

Raikkonen è entrato nella famiglia Alfa Romeo dopo 5 anni con la Ferrari, conquistando il titolo di Campione del Mondo nel 2007 con molti membri del personale con cui lavorava in Sauber nel 2001.

Nonostante l’aumento di investimenti negli ultimi 18 mesi, l’Alfa Romeo Racing è ancora molto distante dalle performance dei top team, tuttavia Raikkonen crede che il team abbia mostrato dei chiari segnali di crescita.

“E’ una squadra più piccola rispetto a Ferrari, abbiamo meno risorse su tutto ma penso che abbiano fatto un buon lavoro” è il parere di Raikkonen.

“E’ un buon pacchetto. Abbiamo parecchie cose da migliorare ma possiamo lottare con gli altri. Non so se siamo quinti o decimi. Possiamo solo dare il meglio di noi e vedere cosa otteniamo nella prima gara.”

 

Foto: E.Ghidini