Pubblicità

E ‘di questa mattina la triste notizia della scomparsa di Charlie Whiting, il tecnico della FIA direttore di gara della Formula 1.  Whiting è morto a causa di un’embolia polmonare che gli ha causato un arresto cardiaco. Muore, così, a 66 anni uno dei personaggi più importanti del circus e della direzione della Formula 1.

Whiting iniziò la sua carriera in Formula 1 lavorando con la Hesketh nel 1977 per poi passare, tre anni dopo, alla Brabham. E’ stato uno dei membri più importanti per l’organizzazione del mondiale di Formula 1 dalla sua entrata in FIA nel 1988 e, grazie ai suoi consigli ed interventi, venne nominato Direttore di Gara nel 1997.

L’intervento toccante di Jean Todt (presidente della FIA) ha voluto rendere omaggio a Whiting: “E’ stato un colpo durissimo sapere che Charlie è morto questa mattina. Ho lavorato con Charlie Whiting per molti anni e posso affermare che è stato un ottimo e corretto direttore di gara per la Formula 1. E’ stato una figura centrale ed inimitabile per questo sport, lui rappresentava l’etica e lo spirito della Formula 1”.

Il direttore tecnico della Formula 1, Ross Brawn, ha rilasciato anche lui una dichiarazione questa mattina: “Ho conosciuto Charlie all’inizio della mia carriera in Formula 1. Abbiamo lavorato insieme come meccanici e siamo diventati subito amici. Abbiamo viaggiato molto assieme e abbiamo seguito i nostri team in tutto il mondo. Sono rimasto davvero scosso dalla notizia della sua morte. Sono devastato. Non è stata una perdita solo per me, ma lo è stata anche per la Formula 1 e per il motorsport in generale. Tutti i nostri pensieri vanno alla sua famiglia.”

“Era un pilastro della Formula 1”

“E’ stato un colpo durissimo sapere di questa tragedia” commenta Sebastian Vettel. “Lo avevo visto giusto ieri e avevamo percorso insieme le prime curve del circuito a piedi. L’ho conosciuto molto tempo fa ed era il mio punto di riferimento, lo era per tutti i piloti. Era una persona aperta, potevi chiedergli qualsiasi cosa in qualsiasi momento, lui ti avrebbe risposto. Siamo tutti vicini alla famiglia di Charlie in questo momento delicato”.

Anche Lewis Hamilton ha espresso il suo cordoglio alla famiglia Whiting: “Whiting l’ho conosciuto nel 2007 quando iniziavo la mia carriera in Formula 1. Stamattina sono rimasto sconvolto quando ho saputo della tragedia. I miei pensieri e le mie preghiere vanno a lui e alla sua famiglia. Quello che ha fatto per questo sport è qualcosa di incredibile, era un pilastro della Formula 1. Era un’icona, un mito, qualcuno cui noi dobbiamo il nostro continuo rispetto”.

Credits photo: Formula 1

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com