Il capo della Mercedes Toto Wolff afferma che la Casa di Stoccarda non interverrà per cercare di mantenere il Gran Prmio di Germania sul calendario della Formula 1 2020, nonostante abbia contribuito a garantire che si fosse svolta la gara di quest’anno.

Il GP di Germania è destinato a essere l’unico evento attuale mancante quando verrà confermato il calendario della prossima stagione, con gli ingressi di Vietnam e Paesi Bassi che porteranno a 22 le gara in totale.

Hockenheim aveva firmato un accordo di un solo anno più un’opzione per il 2020 esercitata dalla sola F1.

“L’accordo dell’anno scorso è stato firmato facilmente”, ha detto Wolff. “Abbiamo avuto un incontro con Chase e Sean che ci hanno chiesto se fossimo in grado di coprire la differenza economica per disputare l’evento. In mezz’ora abbiamo stipulato l’accordo per disputare quest’anno il GP di Germania, ma questo non possiamo più farlo. Non possiamo più interferire nel business tra Liberty Media e la F1: sta a loro decidere quali tracciati devono essere in calendario e quali no. Per noi il GP di Germania è importante, perchè Daimler è una società tedesca e ci sono parecchi familiari e amici in Germania, ma non possiamo inteferire nel loro business. Possiamo solamente incoraggiare a guardare il GP di Germania, ma è Chase a decidere dove si corre o meno.”