Carl Fogarty ha fatto del WorldSBK uno degli sport più seguiti nel Regno Unito durante la sua presenza in pista negli anni ‘90. Oggi è il 20° anniversario dall’ultima vittoria di Fogarty e sarebbe stato anche il suo ultimo titolo mondiale. Ma che ne pensate delle sue prime stagioni nel campionato e di alcune delle sue migliori gare?

Arrivato nel palcoscenico del WorldSBK con la Honda nel 1991, Fogarty avrebbe dovuto aspettare il 1992 per cogliere la prima vittoria in quello che era ancora un campionato abbastanza giovane. Partito dalla pole a Donington Park, Fogarty ha conquistato la sua prima vittoria in Gara 1 scrivendo la prima pagina di un grande amore personale con Donington Park. Gareggiando solo nei round europei in quella stagione ha chiuso al nono posto in classifica, con un secondo podio portato a casa ad Assen.

Nel 1993 ha mancato la vittoria del mondiale per pochissimo, con 11 successi ma l’incostanza ha permesso alla Kawasaki di Scott Russell di conquistare il titolo. Il 1994 sarebbe stata un’altra storia, dato che Fogarty divenne il primo pilota inglese campione del mondo del WorldSBK. Il mito iniziò lì e il 1995 fu un’altra stagione in cui nessuno ha potuto fermare Fogarty e la sua Ducati, nonostante l’arrivo di Troy Corser e la costanza del neozelandese Aaron Slight. Il 1996 sarebbe stata la stagione di una nuova sfida…

Con il passaggio a Honda per la sfida di vincere il titolo con un altro costruttore, Fogarty ha avuto una stagione difficile. Una delle sue gare più memorabili è senza dubbio quella di Hockenheim in Germania. Fogarty fu protagonista di una grande lotta in Gara 2 e all’ultimo giro verso la linea di arrivo diede spettacolo nella battaglia per la vittoria con il suo compagno di squadra Slight e al fotofinish. Altri ne sarebbero arrivati – tra cui un’incredibile Gara 2 ad Assen – ma Foggy non sarebbe riuscito a conservare il titolo e chiuse l’anno al quarto posto.

Il 1997 avrebbe visto l’inizio della rivalità con John Kocinski, che aveva sostituito Fogarty in Honda e iniziò subito a vincere. La rivalità tra i due ai tempi era una delle più accese e sentite in tutti gli sport e in Austria, all’A1 Ring, scoppiò e i due furono coinvolti in un incidente. Fu Kocinski a vincere il mondiale ma nel 1998 l’inglese era più determinato che mai.

Il 1998 sarebbe stato un anno in cui la costanza di Foggy fu decisiva. Momenti di tensione tra lui e il suo compagno Ducati Pierfrancesco Chili ad Assen dopo un’incredibile Gara 2 e che verrà ricordata come una delle vittorie più belle per Foggy, autore del sorpasso decisivo all’ultima chicane. Nel round successivo Fogarty avrebbe conquistato il suo terzo titolo, prima del dominio del 1999…

La stagione iniziò molto bene con una doppia vittoria a Kyalami in Sudafrica, Fogarty avrebbe poi vinto per l’ultima volta in carriera a Donington Park, con decine di migliaia di persone che invasero la pista per celebrare il pilota inglese più forte della storia dai tempi di Barry Sheene.

Una delle vittorie più incredibili sarebbe arrivata in Gara 2 a Monza un paio di round più tardi, quando sulla linea del traguardo chiuse davanti a Colin Edwards anche se fu necessario tutto il giro di rientro per consegnare la vittoria a Foggy, dopo che inizialmente era andata a Edwards. Il boato dell’incredibile folla che era presente sul circuito italiano diceva tutto.

Dai fantastici alti di Monza ai bassi emotivi del Nurburgring; Fogarty vinse in Gara 1 dopo essere riuscito ad evitare una perdita di olio in quella che sarebbe stata una delle gare che hanno fatto la storia di questo sport. Fuori pista la settimana prima una brutta tragedia personale aveva visto vittima la famiglia Fogarty e con una vittoria Foggy dichiarò che quella era stata la vittoria più sentita e toccante della sua carriera.

La sua ultima doppietta fu quella di Assen, dove il pellegrinaggio che si ripete ogni anno da parte di oltre 80.000 tifosi proveniente dal Regno Unito era arrivato nei Paesi Bassi per sostenere Fogarty. Conquistò il suo ultimo titolo mondiale ad Hockenheim, arrivando secondo in pista ma per via di una bandiera rossa la classifica venne stilata in base al giro precedente e la vittoria andò a Foggy davanti ad Aaron Slight. L’ultima vittoria di Foggy in WorldSBK.

Il legame di Carl Fogarty con il campionato è ancora vivo, dato che moltissimi tifosi lo associano al WorldSBK. Dopo l’infortunio e il ritiro forzato, ha fondato il team Foggy Petronas prima di terminare questa esperienza a fine 2006.