Pubblicità

Il pilota della Red Bull Max Verstappen è stato il più veloce nelle prime prove libere a Singapore. Dietro di lui il ferrarista Vettel, staccato poco più di un decimo e Lewis Hamilton su Mercedes. sia Ferrari che Mercedes sono state protagoniste di qualche inconveniente durante questi primi 90 minuti di prove, dopo che Leclerc ha accusato problemi al cambio e Bottas ha finito la sua sessione contro le barriere di protezione, danneggiando la sua monoposto.

Sia Verstappen che Vettel hanno fatto siglare i loro giri veloci con gomma morbida mentre Hamilton, che aveva iniziato la sessione con le soft, è passato poi alla mescola più dura terminando a oltre 6 decimi dall’olandese.

I problemi di affidabilità hanno colpito la Ferrari di Leclerc, rimasta bloccata in quarta marcia e il monegasco ha visto gli ultimi 30 minuti di sessione dai box. Questo non gli ha permesso di migliorare il suo tempo finale che l’ha relegato in 19° posizione, in quanto non è riuscito a mettere a segno un giro su gomme morbide. Questo contrattempo ha impedito alla Ferrari di provare il nuovo fondo e il nuovo muso per Singapore.

Anche in casa Mercedes hanno avuto un pilota che ha subito uno stop anzitempo e si tratta di Bottas, che con un bel sovrasterzo all’uscita del tunnel ha accompagnato la sua Mercedes contro le barriere. Per lui sessione finita, anche se i crono messi a referto gli hanno assicurato la quarta posizione, davanti alla Red Bull di Albon.

Nico Hulkenberg, fiducioso che rimarrà in F1 la prossima stagione , ha chiuso sesto con la Renault, tre decimi dietro Albon e davanti alla coppia McLaren guidata da Carlos Sainz. Lo spagnolo quasi si è scontrato con Hamilton all’inizio della sessione ed era arrabbiato mentre Hamilton apparentemente ha bloccato i suoi ultimi sforzi per fare un giro veloce.

Nono Daniil Kvyat su Toro Rosso mentre il suo compagno di squadra Pierre Gasly ha completato la top 10.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com