L’Alfa Romeo, dopo la pausa estiva, non ha avuto un rendimento costante totalizzando solamente 3 punti in 6 gare. Non è andata meglio in Messico, dove la scuderia elvetica ha ottenuto un’altro ZERO nella classifica costruttori, con Raikkonen ritirato e Giovinazzi solamente quattordicesimo.

Raikkonen è stato costretto al ritiro nelle battute iniziali, dopo un contatto al via che ha compromesso la sua Alfa Romeo: anche se non ha potuto completare la gara, l’ex Campione del Mondo non riesce a dare una spiegazione sul rendimento altalenante del suo team.

“Nelle prime due curve siamo stati schiacciati tra due macchine, ci siamo toccati ma pensavamo che tutto andasse bene, ma c’erano alcuni problemi e io mi occupavo della macchina”, ha detto Raikkonen. “Alla fine le temperature sono aumentate e abbiamo dovuto fermarci, altrimenti avremmo danneggiato molto di più l’auto, quindi dobbiamo scoprire cosa è successo.

“Sicuramente speravamo di avere un po ‘più di velocità ma quando all’improvviso chi ci stava davanti ha iniziato ad andare più veloce non avevamo lo stesso ritmo. Ok, abbiamo avuto qualche danno e questo potrebbe spiegare qualcosa, ma speravo in qualcosa di più. ”

Raikkonen, che sappiamo essere di pochissime parole, ha identificato chiaramente ciò che manca alla sua auto: “Aderenza!”

Ma il finlandese afferma che non si è verificato un problema a causa di un importante aggiornamento aerodinamico introdotto nella seconda metà della stagione.

“No, l’aggiornamento ha funzionato. Nell’ultima gara ho provato il vecchio pacchetto e non abbiamo ottenuto molto come risultato finale. Onestamente, l’equilibrio non è un disastro, quando le gomme sono nuove andiamo bene, ma quando le gomme iniziano a logorarsi iniziamo a scivolare molto.

“Ovviamente non è il risultato che volevamo, ma a volte va così. Il ritmo non era eccezionale e quindi abbiamo avuto il problema con le temperature e ci siamo dovuti fermare. Penso che l’incidente all’inizio abbia distrutto il fondo … Con le nuove gomme abbiamo guadagnato un po’ di velocità ma non appena hanno iniziato a logorarsi, abbiamo perso molto grip. “

Anche Giovinazzi ha anche avuto difficoltà e afferma che è importante che l’Alfa Romeo capisca rapidamente i loro problemi per cercare di riprendersi al Gran Premio degli Stati Uniti del prossimo fine settimana.

“L’inizio della gara non è stato poi così male”, ha detto Giovinazzi. “Ero dietro alla Renault e alla Racing Point, ma il pit stop ha compromesso la gara.

“Sono stato da solo per gran parte della corsa, quindi dobbiamo solo capire come fosse il ritmo. Austin è la settimana prossima, quindi dobbiamo cercare di migliorare ed essere di nuovo in forma ad Austin.”