Pubblicità

Seconda e ultima giornata di test ad Abu Dhabi e anche oggi si ripete il copione visto ieri: le squadre e i piloti intenti a provare le nuove Pirelli per la prossima stagione, la Mercedes ancora velocissima e davanti a tutti anche con George Russell e Ferrari protagonista nuovamente di un un incidente in pista. Se ieri la collisione tra Vettel e Perez è passata indenne per i due piloti, non si può dire lo stesso per quello che è successo a Leclerc nella sessione odierna, schiantatosi nella curva 13 e causando l’unica bandiera rossa della giornata e interrompendo con due di anticipo la sua sessione lavorativa.

Leclerc aveva completato più di 100 giri prima dell’incidente registrando il secondo giro più veloce in assoluto con 1’37″401, ovvero quasi mezzo secondo più veloce del tempo di Vettel e a poco meno di due decimi dalla Mercedes di Russell.

L’inglese aveva guidato per la Williams nella sessione di martedì e oggi ha cambiato divisa sedendosi al volante della Merceds W10 e registrando il tempo di 1’37″204 con la mescola Pirelli C5 per il 2020, la più morbida della gamma.

Terzo Stroll su Racing Point col crono di 1’37″999 ma è stato coinvolto in un bizzarro incidente con Sainz nella mattinata. Stroll stava procedendo lentamente nella corsia dei box davanti a Sainz e lo spagnolo era impaziente di scendere in pista ma non ha tenuto in considerazione che la sua monoposto era munita di un “rastrello” aerodinamico ai lati della vettura, colpendo la macchina Stroll. Lo spagnolo ha rimediato danni al rastrello aerodinamico, limitandone l’uso della pista. Sainz ha comunque completato oltre 100 e la quota a tre cifre dei numeri inanellati è stata raggiunta da tutti tranne che da Nissany, che ha percorso solamente 38 passaggi.

Tutti i primi cinque hanno utilizzato la mescola più morbida per registrare i loro giri record anche se Leclerc ha utilizzato la mescola 2019 anzichè quella 2020.

Ritorna in pista anche Ocon e dopo i 77 giri di ieri, oggi ne completa ben 128 piazzandosi in sesta posizione e lavorando intensamente col suo nuovo team Renault. Il francese si piazza davanti ad Albon che ha lavorato più sui long run che sulla prestazione singola emulando il lavoro di Verstappen di ieri.

Pietro Fittipaldi si è classificato ottavo a 2,4 secondi dalla vetta e incrementando la sua esperienza su una monoposto di F1 tanto da girare sugli stessi tempi di Grosjean di ieri.

In casa Williams la monoposto è stata condivisa dai due piloti: Nissany ha avuto il suo secondo assaggio nella mattinata, mentre Latifi ha preso il suo posto al pomeriggio. Il giovane canadese ha accumulato ben 107 giri migliorando di quasi un secondo il crono registrato ieri.

 

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com