Pubblicità

Onestà e pragmatismo. Questo è stato il tema di mercoledì, quando la Ferrari ha accolto un gruppo selezionato di media all’interno del loro imponente quartier generale a Maranello per il consueto pranzo di Natale.

Tradizionalmente la Ferrari è sempre stata molto riservata per quanto riguarda il loro approccio nella Formula 1, preferendo da sempre un’approccio a porte chiuse. Ma prima di questa stagione hanno deciso di cambiare questa filosofia con l’intenzione di essere più aperte e di argomentare le loro decisioni, buone o cattive che siano.

Hanno pagato a caro prezzo i numerosi errori durante la stagione, hanno risposto alle critiche che riguardavano la rivalità in pista tra Leclerc e Vettel e si sono difesi in più battute quando venivano sollevati molti dubbi sulla legalità della SF90H.

E nel Centro Stile di nuova costruzione a Maranello, dove circa 70 persone lavorano alla progettazione e allo stile delle loro auto stradali, il CEO Louis Camilleri e il Team Principal Mattia Binottto si sono resi disponibili per rispondere ad ogni tipo di domande, passando dai loro fallimenti con il programma 2019 al modo in cui hanno gestito i loro piloti. E c’è da dire che nessun altro team tiene un evento del genere.

Dopo i test pre stagioni di Barcellona, la Ferrari, secondo parecchi media, doveva essere la squdra da battere e lo stesso Binotto ora ammette che anche il team era convinto di essere davanti a tutti. Ma quando sono arrivati ​​a Melbourne, Mercedes li ha battuti in modo convincente . Binotto lo descrisse come una “doccia fredda”, ma ha aggiunto “in Australia, c’erano buone ragioni per non avere grandi prestazioni, abbiamo fatto una scelta sbagliata in termini di raffreddamento e gestione delle Power Unit”.

In Bahrein si poteva ottenere la vittoria se non fosse stato per un problema di affidabilità che ha compromesso la gara di Leclerc e questo ha portato la Ferrari a credere che l’Australia fosse solo un episodio isolato. Ma fu proprio il Bahrein a presentare la falsa alba. E Binotto ha ammesso che il team ha impiegato un pò di tempo per capire che la monoposto non era all’altezza della Mercedes.

Hanno adottato un approccio metodico per cercare di capire cosa non andava, ma Binotto ha ammesso di non essere in grado di rilevare i punti deboli della macchina e di non essere in grado di fare la giusta valutazione delle prestazioni della Ferrari, ovvero di non saper collocare nella posizione giusta il team. La Mercedes ne approfittò, vincendo tutte le gare tranne due prima della pausa estiva e quelle uniche sconfitte erano state inflitte dalla Red Bull e non dalla squadra in rosso.

La Ferrari aveva tanto lavoro da fare. Furono affrontati il ​​ritmo di gara e la stabilità in frenata e quando la stagione riprese a fine agosto avevano incrementato anche il carico aerodinamico portando diverse configurazioni aerodinamiche. “Se osservi le prestazioni in curva, siamo riusciti a ridure il gap che avevamo ad inizio anno“, ha detto Binotto.

Hanno prontamente vinto tre gare, Belgio , Italia e Singapore, e all’improvviso sembravano avere il miglior pacchetto complessivo. Ma poi le cose sono cambiate di nuovo e le loro prestazioni dimiuite, in coincidenza con le numerose domande sulla legalità della loro auto e in particolare sul loro motore. Ma Binotto non si è mai dimostrato preoccupato per una eventuale irregolarità. “Non abbiamo mai cambiato il nostro modo di far funzionare il motore per l’ultima parte della stagione, dimostrando che in qualche modo la nostra Power Unit ha la piena legalità.  Se ci fosse stato qualcosa di irregolare sarebbe arrivato al primo controllo. “

Dopo aver inseguito la Mercedes per tutta l’era ibrida, la Ferrari ora possiede la migliore Power Unit dello schieramento. Binotto ha amesso che nel 2014, anno in cui sono stati introdotti i motori ibridi, la Ferrari pagava circa 80 cavalli in meno rispetto alla Mercedes mentre ora sostiene di avere un piccolo vantaggio rispetto ai rivali. Alcuni addetti ai lavori sostengono che a Maranello in questi anni abbiano svolto un lavoro eccezionale, arrivando a guadagnare qualcosa come 100 cavalli.

Ma spingendo troppo le prestazioni del motore, l’affidabilità è venuta a mancare in alcuni casi Il Bahrein è stato uno di questi esempi, la Russia un altro . In entrambe le occasioni, la squadra avrebbe potuto vincere. Ma questa non è stata la loro unica debolezza ed alcune carenze si sono viste anche dal lato strategico e Monaco ne è l’esempi lampante. E contro un team infallibile come la Mercedes, questi errori non si possono fare.

“I pit stop non sempre sono stati veloci”, ammette Binotto. “In molte occasioni la nostra sosta è durata oltre sei secondi, il che non è accettabile per un team Ferrari. E quando devi essere perfetto per vincere, devi essere perfetto anche dal punto di vista del team, della meccanica e dei pit stop.

“Non è una questione di abilità. Non è una questione di individui. Dopo tutto, il modo in cui stiamo affrontando i problemi è attraverso la pratica, con tanto allenamento.  Sono molte le metodologie che dimostrano che dobbiamo migliorare noi stessi a 360 gradi. E questa è la sfida che dovremo affrontare per il prossimo anno. ”

L’altra debolezza è stata la relazione dei piloti in pista. Binotto ha descritto come un “lusso” la formazione del quattro volte campione del mondo Vettel e della stella nascente Leclerc. Mantiene questo punto di vista, ma dall’esterno la sitauzione è vista in modo diverso.

All’inizio, la Ferrari ha optato per sostenere Vettel a discapito di Leclerc nel tentativo di massimizzare il risultato complessivo della squadra. Ma questa strategia si è rivelata sbagliata quando Vettel si è dimostrato al di sotto di Charles. Il giovane monegasco avrà anche commesso degli errori, come quello di Baku dove era l’uomo da battere, ma Vettel ha fatto di peggio “La performance dimostrata da Leclerc ha avuto un impatto negativo su Vettel” ha ammesso Camilleri.

Poi tutto è scoppiato in Brasile, quando i due sono arrivati allo scontro costringendo entrambi al ritiro. Camilleri ha descritto l’episodio come un’incubo, dato il modo con cui la rivalità si stava sviluppando. Ma lo stesso Camilleri ha ammesso che lo scontro è stato necessario ed utile  per allentare la tensione tra i due piloti

“C’è un grande rispetto tra loro”, ha detto. “Penso che a volte sia necessaria una crisi per posizionare i pali nella posizione appropriata. E penso che entrambi si siano resi conto che la Ferrari è stata la grande vittima di questo episodio.

Spiegando la differenza di prestazioni tra Vettel e Leclerc, il team ha deciso di affidare a Leclerc una macchina migliore rispetto al tedesco. “Sebastian è stato a disagio con la macchina all’inizio della stagione, certamente con l’instabilità in frenata”, ha detto Binotto. “La sfida per lui è stata avere anche un buon punto di riferimento, perché avere un compagno di squadra così veloce gli ha dato una forte pressione ma ha reagito molto bene nella seconda parte di stagione. Leclerc invece ha affrontato in maniera migliore i problemi con la monoposto a causa del suo stile di guida.

Leclerc, come confermato da Camilleri, ha un’accordo a lungo termine con la Ferrari mentre Binotto elogia la prima stagione in Rosso del giovane monegasco “La sua è stata una stagione eccezionale per quello che ha realizzato nel primo anno in Ferrari. Non dovremmo solo guardare alle sue prestazioni in pista ma anche al modo in cui lavora col tutto il team.”

Quando usi termini come “crisi”, “incubo” e “doccia fredda” per descrivere la tua stagione, sai che le cose non sono andate secondo i piani. La Ferrari non è riuscita ancora una volta a consegnare un titolo mondiale. Ma erano più vicini di quanto non fossero nell’era ibrida-turbo. E piuttosto che prendere decisioni avventate con cambiamenti del personale, come hanno fatto in passato, Camilleri ha parlato di “stabilità” e “pazienza”.

La cultura della paura che una volta spazzava le sale di Maranello sembra essere stata sradicata. Stanno ammettendo i loro troppi errori, restando però uniti. Quest’anno non è stato abbastanza buono per la Ferrari. Chiedono e vogliono la vittoria, senza andare nel panico e cercando di rimettere a posto i pezzi per mettere la parola fine ad un digiuno che dura ormai dal 2008.

 

 

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com