Pubblicità

C’è stato chi ha messo in dubbio la scommessa della Red Bull su un passaggio alla Honda per il 2019, ma è una scommessa che sembra aver pagato, con Max Verstappen che ha vinto tre gare nella prima stagione di partnership tra il motorista giapponese e il team austriaco. E il pilota olandese è convinto che, per quanto riguarda la potenza, la Honda si avvicini alla Mercedes, la vera regina di questa era turbo-ibrida.

Il ritorno della Honda in Formula 1 con la McLaren nel 2015 è stato problematico , con le due società che si sono separate alla fine del 2017 dopo tre stagioni dai risultati scadenti. Nello stesso perido anche la Red Bull era scontenta della Renault tanto da passare alla fornitura Honda per il 2019, dopo averli testati sul suo junior team, ovvero la Toro Rosso, nella stagione 2018.

L’alleanza Red Bull-Honda si è rivelata immediatamente un successo, con Verstappen che ha conquistato le prime due pole position della sua carriera nel 2019, e ha vinto in Austria, Germania e Brasile per terminare al terzo posto nella classifica piloti.

La stagione 2019 è stata ricca di soddisfazioni anche per la Toro Rosso con Kvyat e Gasly che hanno conquistato un podio ciascuno. Quello ottenuto dal francese, che a metà stagione è stato retrocesso dalla Red Bull al team di Faenza, è stato un podio sudato, arrivato al fotofinish in Brasile tenendosi dietro niente meno che Hamilton. E questa prestazione ha confermato che le Honda ha raggiunto lo stesso livello di potenza della Mercedes

“Siamo molto vicini alla Mercedes”, ha detto Verstappen. “Honda ha lavorato a pieno ritmo e il miglioramento che abbiamo apportato con le ultime due specifiche del motore è stato notevole.

“Quello che è molto positivo è che ci siamo fissati un obiettivo ad inizio stagione e per tutta la durata del campionato questo target è stato raggiunto e, in alcune occasioni, anche superato. Questa è una buona cosa e Honda è sempre stata onesta su quello che avremmo ottenuto di gara in gara.”

Il 2018 ha visto la Red Bull patire diversi problemi di affidabilità costringendo i due piloti, Ricciardo e Verstappen, a dei ritiri. E sul fatto dell’affidabilità, Verstappen è ampiamente soddisfatto del lavoro della Honda, che si sposano a perfezione col telaio Red Bull.

“L’affidabilità è stata eccezione durante tutto l’anno e non ci siamo mai ritirati per un problema riguardante la Power Unit Honda. In passato abbiamo perso molti punti a causa di problemi di affidabilità sia a livello di motore che di altri particolari dell’auto, e penso che abbiamo migliorato in entrambe le parti. Sono molto contento perché se vuoi lottare per un campionato del mondo, non puoi ritirarti per quel tipo di problemi. “

Combattere per un campionato del mondo è esattamente ciò che Verstappen proverà a fare l’anno prossimo, con Red Bull che cerca di capitalizzare sulla stabilità delle regole e sulla crescita della Honda.

 

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com