Pubblicità

La Dakar 2020 incorona i suoi vincitori. Al traguardo di Qiddiya termina la 42esima edizione della corsa più dura e difficile del mondo. Una edizione che verrà ricordata nella storia per tanti motivi. Per prima cosa i nomi dei vincitori da inserire nell’Albo d’Oro: Ricky Brabec (moto), Carlos Sainz (auto), Ignacio Casale (quad), Andrey Karginov (camion), Casey Currie (SSV). Loro sono i vincitori assoluti delle loro categorie ed insieme a loro il merito va, eccezion fatta per motociclisti e quaddisti, per i navigatori che hanno condiviso l’avventura nello stesso abitacolo. Ma i vincitori sono anche tutti gli altri uomini (e donne) che hanno raggiunto il traguardo dopo due settimane durissime.

Il secondo motivo per cui questa edizione passerà alla storia sarà per la drammatica perdita di Paulo Gonçalves, motociclista esperto, scomparso nel corso della settima tappa. La morte come presenza quasi costante della Dakar, nonostante tutti i regolamenti rivisti per aumentare la sicurezza. Ed intanto si resta con il fiato sospeso per le condizioni critiche in cui versa Edwin Straver, caduto nella penultima tappa.

Il terzo è per il nuovo scenario in cui questa Dakar, sempre più affamata di business e soldi, si è svolta. La terza era come è stata definitiva. Rimane il nome di una meta tanto ambita dagli avventurieri di tutto il mondo, ma cambia la location. Non più Africa, non più Sud America, spremuta dal punto di vista economico pur di far ospitare la corsa. Ora si è corso in Arabia Saudita, paese dalle ricchezze immense pronto ad aprirsi all’occidente e non solo.

Poi questa edizione verrà ricordata per la fine dell’egemonia KTM nelle moto. Un regno durato ininterrottamente per 18 anni. Un regno che è stato interrotto dalla Honda, che di Dakar ne aveva vinte 5 prima di ritirarsi come presenza ufficiale dalla competizione per poi rientrare nella seconda era con un investimento da capogiro con le nuove 450 Rally. Un sogno inseguito per anni che oggi è stato coronato da Ricky Brabec. Un americano davanti a tutti: anche questo fa parte della storia, perché Brabec è il primo pilota a stelle e strisce ad aggiudicarsi una Dakar. L’America la fa da protagonista anche nella categoria SSV con la vittoria di un equipaggio tutto statunitense, con Casey Currie e Sean Berriman.

Ed infine la vittoria di Carlos Sainz, un uomo che ha bisogno di poche presentazioni, ma per il quale parlano i numeri. Due titoli mondiali WRC, 196 rally iridati disputati, 756 prove speciali vinte, 97 podi di cui 26 sul gradino più alto. Ed oggi la sua terza Dakar. Il Matador Carlos Sainz. Una vittoria riportata dopo un finale difficile, in cui a giochi apparentemente fatti aveva perso terreno nei confronti di Al-Attiyah e Peterhansel. Sainz però ha saputo tirare fuori le unghie nel finale mantenendo quei 6 minuti e 21 secondi sul principe del Qatar che gli sono valsi la vittoria.

Tutto il resto diventa contorno non secondario alla storia di questa Dakar 2020, tra cui la sconfitta KTM e la scommessa Fernando Alonso. Su Alonso si potrà leggere un po’ di tutto. In molti reputano la sua prova deludente, ma così non è stato. Fernando, navigato da Marc Coma, è andato forte per davvero, oggettivamente oltre ogni aspettativa. Ed è arrivato al traguardo, 13esimo, davanti a piloti che di rallye raid hanno decisamente più esperienza.

La Dakar 2020 ci saluta così, con i suoi vincitori e con gli sconfitti. Con i ricordi di paesaggi inediti in un paese bellissimo. Con la durezza delle sue tappe ed i drammi che le hanno accompagnate. Una corsa drammatica e durissima, per la quale si attende già con ansia la prossima edizione.

Dakar 2020 – Classifica 121a tappa Haradh – Qiddiya

Moto:

  1. Cornejo Florimo – Honda – 01:28:15- 2. Brabec – Honda – +00:00:53 – 3. Price – KTM – +00:02:25

Auto:

  1. Al-Attiyah – Toyota – 01:17:30 – 2. Seaidan – Mini – +00:01:32 – 3. Terranova – Mini – +00:03:16

Quad:

  1. Linder – Can-Am – 01:53:15 – 2. Enrico – Yamaha – +00:01:21 – 3. Vitse – Yamaha – +00:01:25

Camion:

  1. Karginov – Kamaz – 01:28:41 – 2. Vishneuski – Maz – +00:02:01 – 3. Nikolaev – Kamaz – +00:02:07

SSV:

  1. Varela – Can Am – 01:36:19 – 2. Hildebrand – Can Am – +00:00:24 – 3. Jones – Can-Am – +00:03:18

Dakar 2020 – Classifica Generale Finale

Moto:

  1. Brabec – Honda – 40:02:36- 2. Quintanilla – Husqvarna – +00:16:26 – 3. Price – KTM – +00:24:06

Auto:

  1. Sainz – Mini – 42:59:17 – 2. Al-Attiyah – Toyota – +00:06:21 – 3. Peterhansel – Mini – +00:09:58

Quad:

  1. Casale – Yamaha – 52:04:39 – 2. Vitze – Yamaha – +00:18:24 – 3. Sonik – Yamaha – +01:04:15

Camion:

  1. Karginov – Kamaz – 46:33:36 – 2. Shibalov – Kamaz – +00:42:26 – 3. Viazovich – Maz – +02:04:42

SSV:

  1. Currie – Can Am – 53:25:52 – 2. Kariakin – Can Am – +00:39:12 – 3. Contardo – Can Am – +00:52:36

Foto ©Lulop.com

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com