Pubblicità

Un titolo troppo scontato? Può anche darsi ma il Supermoto è uno sport leggiadro al pari, per così dire, della danza. Una metafora azzardata quella appena propinata ma sicuramente efficace. E’ andata in scena, lo scorso 30 agosto, la prima prova del Supermoto Italian Trophy a Pomposa, sul nuovissimo circuito del kartodromo ferrarese. Una serie di sfortunati eventi ha fatto sì che alla prima prova del Supermoto Italian Trophy a Pomposa solo una trentina di piloti abbiano effettivamente preso parte. Nonostante tutto, lo spettacolo è stato assicurato da un’organizzazione più che ottima.

SMV

La categoria SMW, dedicata esclusivamente alle prove corse su asfalto, hanno visto un dominio più che totale di Andrea Acetti che ha resistito agli attacchi di Federico Zerbini. Il pilota numero 27 della Husqvarna ha tenuto testa all’avversario fino all’ultimo giro finendo secondo ad un battito di ciglia da Acetti. Termina in terza piazza, a poco più di mezzo secondo, Francesco Del Peschio.

La battaglia iniziata nella prima manche continua anche nella seconda con Andrea Acetti che domina e conquista un 1 – 1 importantissimo nel campionato. A seguire, ancora una volta, Zerbini anche se più staccato rispetto a Gara 1. Ad infastidire il pilota della sezione Ovest ci pensa il pilota TM, Loris Aschero, che termina in terza posizione. Il pilota numero 74 agguanta la terza posizione andando a pari punti con Del Peschio, subito fuori dal podio in Gara 2.

SM2 A

La prima prova del Supermoto Italian Trophy a Pomposa è spettacolare nella SM2 A. Andrea Barbieri conquista pole position e doppietta in questo primo appuntamento rifilando circa 5 secondi agli inseguitori in entrambe le manche. Un grande Michael Bortolotti conquista, nel frattempo, una magica seconda piazza in Gara 1 dopo un’ottima rimonta. A seguire il 13 dell’Honda troviamo un altro giovanissimo, Mattias De Vallier.

In Gara 2 è sempre Barbieri, come già detto, a farla da padrone. Tuttavia, Alberto Sacchi, dopo una prima prova in rimonta a seguito di una caduta quando il 297 della TM era in prima posizione, dimostra la sua stoffa chiudendo secondo. Alle spalle di Sacchi si piazza l’altra TM di Simone Dini, in grande risalto dopo una partenza non ottimale in Gara 1, decisamente compromettente.

SM2 B

Scambio di posizione per i due leader di campionato della SM2 B, Filippo Leoncini e Alberto Bellini. Il rider numero 77, infatti, è riuscito a spuntarla in apertura sulla wild card numero 12 al termine della prima manche. Mirko Artuso risale in Gara 1 da metà gruppo sino al terzo posto finale davanti ad un bravo Stefano Santolin.

Il pilota del 2T tiene la quarta posizione anche in Gara 2 mentre Giuseppe Vanin risale in classifica occupando l’ultima posizione del podio. Grande vittoria per Bellini nella seconda manche che si toglie un sassolino dalla scarpa dopo la vittoria del rivale Leoncini in Gara 1.

CLICCA QUI per vedere i risultati completi della prova.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

Rispondi