Pubblicità

Giornata da dimenticare in quel di Lommel, Belgio. Il primo dei tre appuntamenti sulla sabbia belga di trasforma in un incubo per il nostro Antonio Cairoli, che non va oltre il sesto posto in Gara 2 e che vede l’avversario diretto, Tim Gajser, aggiudicarsi il GP delle Fiandre ed allungare in classifica.

Una trasferta dal sapore amaro, quindi, che vede Cairoli perdere terreno in vista della volata finale di campionato. Già a partire dalla Time Practice si è capito che la giornata sarebbe stata in salita, con il 14esimo tempo a quasi 4 secondi da Jorge Prado.

Gara 1 diventa l’inferno per Cairoli. All’abbassarsi del cancelletto di partenza il gruppo si chiude alla prima curva accerchiando la KTM numero 222. La caduta di gruppo è inevitabile e seppure Cairoli riesca a stare in piedi deve lanciarsi subito in una rimonta forsennata che lo porta ad un errore che costa carissimo. Cairoli riparte in 18esima posizione, ma non riesce a risalire oltre il 13esimo posto finale. In testa alla corsa pure Tim Gajser cade nell’errore e lascia strada a Gautier Paulin che porta la sua Yamaha al comando. Lo sloveno riesce comunque a chiudere al secondo posto, davanti ad Jorge Prado e Brian Bogers. Michele Cervellin è 17esimo, mentre Ivo Monticelli lascia la corsa dopo solo 3 giri.

Gara 2 non si rivela migliore per Cairoli, che non riesce ad andare oltre il sesto posto finale. Jorge Prado prende le redini del comando solo per un paio di giri, faticando a contenere un Gajser più che mai affamato di vittoria e desideroso di dare uno strappo importante in classifica generale. Gajser vince facile con oltre 12 secondi su Romain Febvre, tallonato da Jeremy Seewer. Prado di accontenta del quarto posto, davanti a Paulin e Cairoli. Riscatto di Ivo Monticelli, undicesimo, mentre Cervellin ricalca il 17esimo posto di Gara 1

La vittoria di Gajser, unita al secondo posto di Gara 1, consegna allo sloveno la vittoria del GP di Fiandre. Sul podio con lui Paulin e Prado. Si complica, in ottica titolo iridato, la posizione di Cairoli, che ora vede il suo gap nei confronti di Gajser aumentare a 48 punti. Il pilota Honda conduce la classifica con 488 punti contro i 440 del pilota siciliano.

Nella classe MX2 la regolarità di piazzamento premia, seppure per un solo punto, Tom Vialle. Il francese con due secondi posti nelle due frazioni di aggiudica il GP. Segue di un solo punto Jago Geerts, autore oggi di un quarto posto in Gara 1 e della vittoria di Gara 2. Completa il podio di giornata Ben Watson, che porta la sua Yamaha alla vittoria di Gara 1. In classifica generale continua la corsa all’iride di Vialle, che comanda con 569 punti, seguito da Geerts a quota 516.

Credito fotografico ©Youthstream

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com