Pubblicità

I piloti del Team WRT Robert Kubica, Yifei Ye e Louis Deletraz hanno conquistato il titolo dell’European Le Mans Series 2021 con un round di anticipo vincendo la gara di quattro ore di domenica a Spa.

I piloti della Oreca 07 Gibson n. 41 hanno messo matematicamente fuori discussione il loro vantaggio nel campionato LMP2 con la loro terza vittoria su cinque gare ELMS disputate finora in questa stagione, mentre i loro principali della G-Drive Racing si sono ritirati al primo giro.

Deletraz ha preso la bandiera a scacchi con 5,3 secondi di vantaggio sul Duqueine del Team Oreca guidato da Tristan Gommendy, Memo Rojas e Rene Binder.

Will Stevens, James Allen e Julien Canal della Panis Racing hanno completato il podio dopo che Stevens ha effettuato un sorpasso alle battute finali della gara su Job van Uitert della United Autosports.

WRT è partito dal terzo posto in griglia, ma Kubica è salito rapidamente al secondo posto dopo che la United Autosports numero 22 di Phil Hanson è scivolata indietro a causa di un contatto.

Una safety car ha ricompattato il gruppo quando la Oreca n. 26 G-Drive Racing Aurus di Roman Rusinov si è fermata sul rettilineo di Kemmel.

Il problema si è verificato poco dopo che Rusinov si è fermato per le riparazioni dopo essere stato colpito e mandato in testacoda da Salih Yoluc del Racing Team Turkey alla prima curva.

Il ritiro della G-Drive ha dato a WRT un’opportunità privilegiata per conquistare il titolo in vista del finale di stagione del mese prossimo, che la squadra belga alla fine ha capitalizzato.

WRT ha preso il comando poco prima dei 45 minuti quando Kubica è rimasto al volante al primo pit stop del team, mentre l’equipaggio di punta della Cool Racing ha eseguito un cambio di pilota dal pole-sitter Charles Milesi al pilota di bronzo Alexandre Coigny.

Quei pit stop si sono verificati in condizioni Full Course Yellow a causa del testacoda di Yoluc all’uscita di Les Combes.

Una seconda safety car ha poi chiuso un’ora di apertura frenetica, quando Diego Menchaca dell’Algarve Pro Racing ha colpito la LMP3 della RLR Msport alla staccata di Les Combes, prima di venire tamponata dalla Ferrari 488 GTE Evo Spirit of Race.

La successiva ripartenza vede Kubica difendersi da Patrick Pilet, che aveva superato Coigny tra la FCY e la safety car.

Pilet ha sfidato Kubica nella corsa fino a Les Combes, ma il pilota WRT ha respinto l’attacco del francese ed è rimasto in vantaggio fino alla successiva serie di pit stop.

Alle fermate successive WRT è caduto brevemente dietro il numero 32 United Autosports Oreca, che aveva ricevuto un nuovo telaio dopo il pesante incidente di Nico Jamin a Raidillon durante le qualifiche del sabato.

Tuttavia, Ye è riuscito a colmare il divario con Manuel Maldonado prima di superare il venezuelano con una mossa pulita a Les Combes sfruttando il traffico dei doppiaggi.

Ye ha debitamente esteso il suo vantaggio su Maldonado a più di mezzo minuto, il che si è rivelato utile quando la vettura IDEC Sport di WRT e Pilet ha perso terreno ai box in condizioni di bandiera verde poco prima di un secondo periodo FCY a metà della terza ora.

Ye ha continuato il suo stint con Maldonado ora a 10 secondi di distacco, con Allen e Gommendy che li inseguono rispettivamente per Panis Racing e Duqueine Team.

Il pilota WRT era a circa 17 secondi dal secondo posto quando ha fatto l’ultima sosta con rifornimento e cambio gomme e passando la vettura a Deletraz a 49 minuti dalla fine.

Ancora una volta, l’aumento del gap di testa di Ye ha aiutato WRT mentre United ha rabboccato solo il carburante necessario alla sua auto n. 32 senza cambiare gli pneumatici, con un guadagno di 14 secondi ai box.

Deletraz ha sfruttato al meglio il suo nuovo set di Goodyears, mentre van Uitert è scivolato dietro Gommendy che aveva già superato Allen prima di fare una sosta finale leggermente posticipata rispetto agli altri front-runner.

Stevens e Milesi di Cool Racing hanno anche dato la caccia con successo a van Uitert, che si è accontentato del quinto posto insieme a Maldonado e Jamin mentre WRT conquistava il suo primo titolo LMP2.

Pilet, Paul-Loup Chatin e Paul Lafargue chiudono sesti per IDEC Sport, davanti all’unico equipaggio di G-Drive Racing composto da Gustavo Menezes, Rui Andrade e John Falb.

Tom Gamble, Phil Hanson e Jonathan Aberdein hanno conquistato l’ottavo posto nella loro United Autosports Oreca dopo essere partito dalla prima fila della griglia.

DKR riduce il divario di punti LMP3 con la terza vittoria

In LMP3, Laurents Hoerr e Mathieu de Barbuat hanno conquistato la terza vittoria consecutiva per DKR Engineering che ha chiuso il divario di punti dal leader del campionato Cool Racing.

Hoerr ha portato al traguardo la Duqueine D08 Nissan n. 4 con un minuto di vantaggio sulla seconda di classe LMP3, la Ligier JS P320 di Matt Bell, Niklas Kruetten e Nicolas Maulini.

Il momento cruciale della gara si è verificato a due ore dalla fine quando Hoerr ha superato Kruetten sul rettilineo di Kemmel prima di prendere il largo.

L’attenzione di Cool Racing si è spostata altrove per le fasi finali quando Bell è riuscito a tenere a bada Wayne Boyd di United Autosports per la seconda posizione di meno di due secondi.

La vittoria in GTE è andata ai piloti Ferrari di AF Corse Alessio Rovera, Francois Perrodo ed Emmanuel Collard.

Rovera ha concluso con 25 secondi di vantaggio su Miguel Molina con la Ferrari 488 GTE Evo numero 80 della Iron Lynx.

La Porsche 911 RSR-19 della Proton Competiton di Bovy, Michelle Gatting e Rahel Frey ha completato il podio.

Foto: Sergey Savrasov

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

Rispondi