Pubblicità

Lewis Hamilton ha continuato a dettare il ritmo all’Istanbul Park, registrando il miglior tempo nelle seconde prove libere del Gran Premio di Turchia, con Charles Leclerc della Ferrari che impressiona al secondo posto.

Il sette volte campione del mondo e leader del campionato ha segnato due giri che sono stati abbastanza buoni per il miglior tempo, chiudendo la giornata a 0,166 secondi da Leclerc, con il suo principale rivale per il titolo Max Verstappen ben staccato di 0,635 secondi dal ritmo.

Hamilton ha sperimentato diversi approcci per cercare di ottenere il meglio dalla gomma morbida nei suoi due giri a basso consumo di carburante. Nella sua prima manche, ha spinto al massimo nel primo settore per diventare viola ma ha sacrificato tempo nel secondo prima di tornare il più veloce nel terzo.

Dopo un giro di raffreddamento, nel primo settore è andato un po’ più tranquillo con le soft e poi è andato più veloce nei due settori successivi per migliorare di un decimo di secondo. Avrà bisogno di tutto quel ritmo questo fine settimana, dopo che la Mercedes ha deciso di montare un nuovo motore a combustione interna che fa scattare una penalità di 10 posizioni in griglia .

Il passo della Ferrari in Turchia, dove lo scorso anno è arrivato terzo e quarto, è stato significativo sin dall’inizio. 

La Scuderia sembra essere in grado di riscaldare rapidamente le gomme anteriori – estremamente importante per il ritmo di un giro all’Istanbul Park – ed è per questo che Leclerc è stato in grado di concludere entrambe le sessioni del venerdì tra i primi tre.

La seconda Mercedes di Valtteri Bottas sembrava più a suo agio nella seconda sessione, ottenendo il terzo tempo con il finlandese che avrà un ruolo cruciale nella battaglia per il campionato questo fine settimana con il suo compagno di squadra che partiva così indietro.

Sergio Perez è il primo dei piloti Red Bull con il messicano apparentemente in grado di affrontare meglio una RB16B che sembrava difficile da gestire, soprattutto a metà curva. Chiude quarto, a 0,569 secondi dal ritmo e un decimo di vantaggio su Verstappen.

Lando Norris ha ottenuto un ottimo settimo tempo, davanti al duo Alpine di Fernando Alonso ed Esteban Ocon, con Pierre Gasly di AlphaTauri e Antonio Giovinazzi di Alfa Romeo che hanno chiuso la top 10.

Risale Yuki Tsunoda dopo che il team ha apportato una serie di modifiche all’assetto tra le sessioni e il giapponese è sembrato molto più a suo agio nel pomeriggio, finendo 11°, a solo un decimo da Gasly.

Carlos Sainz ha avuto un programma di lavoro diverso da tutti gli altri sapendo che dovrà scattare dal fondo della griglia dopo aver cambiato il sistema ibrido della sua monoposto. Ha dedicato più tempo alle soft, perché non ne avranno bisogno per le qualifiche, prima di rivolgere la sua attenzione alle medie per raccogliere i dati di long run per la gara di domenica.

Lance Stroll, che è andato vicino ad assicurarsi la sua prima vittoria in Turchia lo scorso anno, era 13°, una frazione davanti a Daniel Ricciardo, con Kimi Raikkonen 15°.

Sebastian Vettel è stato un modesto sedicesimo tempo, davanti al duo Williams composto da Nicholas Latifi e George Russell – che erano separati da soli 0.051 secondi – con Mick Schumacher e Nikita Mazepin che completavano la classifica.

Pubblicità

Rispondi