Danilo Petrucci è uno dei grandi nomi di questa Dakar 2022. C’è poco da aggiungere. Il pilota ternano, ex-MotoGP ha tenuto in scacco le notizie riguardanti la gara più massacrante al mondo già prima dela partenza. Prima infatti di accendere i motori si parlava di una sua positività al Covid che poteva estrometterlo dalla corsa. Poi l’allarme è rientrato e Petrucci è partito regolarmente. In seguito ha sorpreso tutti con i primi risultati per poi farci cadere nello sconforto per lo stop forzato causa guasto meccanico. Ripartito con la formula Jolly, oggi Petrucci ha infiammato tutti arrivando al traguardo di giornata al terzo posto alle spalle di Barreda e Quintanilla. Gioia durata poco, visto che alla fine gli è stata commissionata una penalità di 10 minuti per eccesso di velocità in una zona controllata. Poco conta la sua 15esima posizione finale. Danilo Petrucci resta uno dei protagonisti di questa edizione della Dakar.

Nella tappa odierna, da Al Qaisumah a Riyadh, di 707 km, si registra anche la nuova vittoria di Nasser Al-Attiyah. Nulla di nuovo all’orizzonte quindi nella categoria auto, che vede il principe del Qatar dettare legge sugli avversari. Su di loro i problemi accusati nelle primissime giornate di gara hanno influito enormemente sulla rincorsa in classifica generale. Ora solo Loeb, oggi secondo, può sperare nel miracolo o nell’errore del pilota Toyota.

Moto

Quanto detto su Danilo Petrucci in apertura non è assolutamente esagerato. Il ternano infatti, partito 22esimo, è stato a lungo al comando della tabella tempi. Fino a quanto al controllo al 158esimo km ha ceduto il passo, per solo 7 secondi, a Barreda (Honda). Lo spagnolo poi ha martellato il suo ritmo, con Petrucci sempre secondo. Quintanilla (Honda) si è poi inserito tra i due al chilometro 359 e le posizioni si sono congelate fino al traguardo. La gioia di Petrucci dura poco, fino alla penalizzazione di 10 minuti che lo rilega in 15esima posizione. Il suo posto viene rimpiazzato da Goncalves con la Sherco davanti al compagno di team Santolino. Al quinto posto Benavides in sella alla Husqvarna.

La grande pattuglia italiana vede nell’ordine: Lucci (22), Tonelli (50), Gritti (53), Catanese (74), Cipollone (77), Picco (80), Stigliano (83), Zacchetti (84), Aldo Winkler (105), Andrea Winkler (107), Piolini (110). Fanottoli, Internò e Aglioni risultano essere ancora nella speciale mentre scriviamo.

Auto

Il primo a partire è Sainz, autore della vittoria di ieri. Alle sue spalle Lategan, con la Toyota, che si prende il miglior tempo al primo WP. Tutti si lanciano all’inseguimento “virtuale” di Nasser Al-Attiyah, per recuperare terreno in generale. Il primo colpo di scena vede protagonista Peterhansel, che si ferma al chilometro 89. Poco dopo è la volta di Nani Roma fermarsi per un guasto meccanico. Per il francese il problema pare serio, una sospensione rotta e non riparabile immediatamente, tanto da trovarsi costretto ad aspettare l’assistenza. Anche Lategan cede ai problemi. Dopo aver tenuto la prima posizione fino al chilometro 239, il sudafricano lascia spazio agli altri con una battuta di arresto. La testa della corsa si anima sul filo dei secondi tra Al-Attiyah, Loeb, Sainz, Seaidan e Al Rajhi. I piloti chiudono nell’ordine la top-five contenuti in un minuto e 46 secondi. Distacchi che quindi non pregiudicano assolutamente la leadership di Al-Attiyah.

Dakar 2022 – Classifica quarta tappa

Moto

  1. 1. Barreda – Monter Energy Honda – 04H 07’ 06”
  2. 2. Quintanilla – Monster Energy Honda – +00H 03’ 37”
  3. 3. Goncalves – Sherco Factory – +00H 06’ 59”

Auto

  1. 1. Al-Attiyah – Toyota Gazoo Racing – 03H 54’ 40”
  2. 2. Loeb – Bahrain Raid Xtreme – +00H 00’ 25”
  3. 3. Sainz – Team Audi  Sport – +00H 00’ 52”

Dakar 2022 – Classifica Generale

Moto

  1. 1. Sunderland – Gas Gas Factory Racing – 15H 30’ 01”
  2. 2. Walkner – Red Bull KTM Factory Racing – +00H 03’ 00”
  3. 3. Adrien Van Beveren – Monster Energy Yamaha Rally Team – +00H 04’ 54”

Auto

  1. 1. Al-Attiyah – Toyota Gazoo Racing – 13H 26’ 02”
  2. 2. Loeb – Bahrain Raid Xtreme – +00H 38’ 05”
  3. 3. Al Rajhi – Overdrive Toyota – +00H 49’ 15”

Credito fotografico ©Lulop.com

Rispondi