Pubblicità

Charles Leclerc e la Ferrari dominano il Gran Premio d’Australia 2022. Il monegasco ha condotto al comando dal primo all’ultimo giro la gara sottolineando lo stato perfetto di forma sia della monoposto che del pilota. Nonostante qualche piccolo problema nella gestione della ripartenza alla seconda Safety Car, al campione del mondo, Max Verstappen, non è mai stata data la reale possibilità di attacco. Verstappen non è riuscito a conservare il secondo posto costretto al secondo ritiro stagionale per un problema tecnico alla sua RedBull. A sostituire il campione del mondo alle spalle di Leclerc, lo scudiero Sergio Perez ed un ottimo George Russell, al suo primo podio.

 L’Australia ha visto un certo recupero da parte di Mercedes. Le correzioni portate fin dal venerdi per il team tedesco hanno messo George Russell nelle condizioni di potersi avvicinare alla RedBull conquistando il podio. Quarto il sette volte campione del mondo, Lewis Hamilton che si è trovato alle spalle del compagno dopo che Russell ha sfruttato al meglio le possibilità offerte dalla safety car nel recupero per il cambio gomme. Progressi anche per l’altra motorizzata Mercedes. La McLaren giunge a punti sia con Lando Norris che Daniel Ricciardo rispettivamente in quinta e sesta posizione. Un risultato che consente al team britannico di poter prendere una boccata di ossigeno.

Buona la prestazione della Alpine, con Esteban Ocon settimo posto anche se con qualche difficoltà di troppo nella gestione del passo gara. Non è andata meglio al suo compagno Alonso con problemi di affidabilità negli ultimi giri. Chiudono la Top ten, l’Alfa Romeo di Bottas ottavo, l’AlphaTauri di Pierre Gasly nono, e Williams di Alexander Albon, che conquista un punto fondamentale per il campionato del team britannico.

Il Gran Premio di Australia, sulla rinnovata pista di Melbourne, ha dimostrato come la Ferrari sia veloce su diverse tipologie di pista. Dove non ci sono rettilinei lunghi come nel cittadino di Jeddah, la monoposto di Maranello, ha dimostrato di avere passo gara, velocità sul giro secco, ma soprattutto un’ottima gestione gomme. Una serie di elementi che messi insieme con un affidabilità ottimale permette di poter sperare per un eccellente risultato nel Gp di casa sulla pista di Imola. Resta da correggere la resa di Carlos Sainz. I problemi tecnici avuti sia in qualifica che in gara, hanno compromesso la resa dello spagnolo. La brutta partenza ed il nervosismo nei primi giri ha messo fuori pista lo spagnolo che non ha portato punti al team.

Dopo le prime tre gare, Charles Leclerc allunga in campionato con 71 punti. Grazie al podio George Russell sale in seconda posizione con 37 punti. Terzo scende Carlos Sainz con 33 punti. Nella classifica costruttori, la Ferrari allunga con 104 punti a più 39 rispetto alla Mercedes inaspettatamente seconda con la RedBull relegata a terza forza del campionato.

Pubblicità

Rispondi