Dopo un inizio di stagione difficile, Fabio Quartararo trionfa in modo convicente nel GP del Portogallo e si porta al comando della classifica iridata. A podio anche la Ducati Pramac di Johann Zarco e l’Aprilia di Espargaro mentre è da segnalare la grande rimonta di Rins, quarto al traguardo dopo essere partito dalla 23° posizione.

A Portimao aveva sempre trionfato chi fosse scattato dalla pole position e per Zarco non è stata vita facile rispettare questa tradizione, messo sotto pressione fin da subito da Joan Mir e Quartararo. Il pilota della Suzuki è stato autore di una partenza perfetta, così come il pilota Yamaha, prendendo il comando della gara fin dal primo giro.

Anche Enea Bastianini doveva rimontare dalla retrovie e ben presto è arrivato nella top 10 partendo dalla 18° posizione. Ma il romagnolo ha messo troppa foga nella rimonta ed ha vanificato tutto scivolando alla curva 8. Weekend difficile anche per Bagnaia, dolorante ad una spalla in gara dopo un terribile high side nella Q1.

Il duo di testa Mir e Quartararo hanno fatto gara a sé scavando un importante divario dagli inseguitori e il francese è riuscito a superare la Suzuki n°36 alla fine del rettilineo nel corso del quarto passaggio con il francese che presto si è dato alla fuga.

Weekend deludente per la Ducati nonostante il lavoro di Jack Miller e la rimonta di Bagnaia che torna dal Portogallo con una gara sottotono, complice anche la caduta di Martin al quinto passaggio: per il pilota spagnolo si tratta del terzo zero di fila.

Con Quartararo in testa, la lotta per il podio riguardava Mir e Zarco, coinvolti in un avvincente duello che ha visto Miller avvicinarsi sempre di più ai due rivali. Sulla loro scia, Aleix e Rins hanno fatto lo stesso. Zarco ha approfittato alla fine del rettilineo per prendersi il secondo posto a nove giri dalla fine. Solo un paio di tornate più tardi, nello stesso punto, Miller ha portato fuori Mir nel tentativo di un sorpasso all’interno che, però, ha visto la chiusura dell’anteriore della sua GP22. Un finale crudele per Mir che registra la prima caduta in assoluto della stagione. Poco dopo anche Brad Binder (Red Bull KTM Factory Racing) ha visto finire la sua gara sulla ghiaia della curva 11. La battaglia per il podio ha visto così come protagonisti: Aleix, Rins e l’eroe locale Miguel Oliveira (Red Bull KTM Factory Racing).

Oltre alla lotta per il podio, la gara a Portimao ha visto altri duelli stellari, come quello tra i fratelli Marquez in lotta per il sesto posto, che ha visto Marc avere la meglio, seguiti da Pol e Bagnaia. Pecco, nel frattempo, ha battuto il #44 all’ultimo giro prendendosi un prezioso bottino di punti.

Grazie ad una solida vittoria, Quartararo vince davanti a Zarco e ad Aleix Espargaro che regala un altro podio ad Aprilia. Ora la casa di Noale è ad un passo dal perdere le concessioni.

Rins resta ai piedi del podio seguito da Oliveira che si assicura una piazza nella top 5 nella sua gara casalinga. Seguono in sesta e settima posizione i fratelli Marc e Alex Marquez. Dopo una rimonta epica, Bagnaia è ottavo davanti a Polyccio e a Maverick Viñales (Aprilia Racing) che chiude la top 10.

I primi 10 classificati:

1. Fabio Quartararo (Monster Energy Yamaha MotoGP)
2. Johann Zarco (Pramac Racing) + 5.409
3. Aleix Espargaro (Aprilia Racing) + 6.068
4. Alex Rins (Team Suzuki Ecstar) + 9.633
5. Miguel Oliveira (Red Bull KTM Factory Racing) + 13.573
6. Marc Marquez (Repsol Honda Team) + 16.163
7. Alex Marquez (LCR Castrol Honda) + 16.183
8. Francesco Bagnaia (Ducati Lenovo Team) + 16.511
9. Pol Espargaro (Repsol Honda Team) + 16.769
10. Maverick Viñales (Aprilia Racing) + 18.063

Rispondi