Pubblicità

Pedro Acosta (Red Bull KTM Ajo) strappa a Marc Marquez il record di vincitore più giovane nella storia della Moto2: lo spagnolo vince la gara del Gran Premio d’Italia  all’Autodromo Internazionale del Mugello quattro giorni dopo aver festeggiato il suo 18° compleanno.

Joe Roberts (Italtrans Racing Team) termina secondo mentre l’ultimo gradino del podio è del giapponese Ai Ogura (Idemitsu Honda Team Asia). Problema tecnico per Celestino Vietti (Mooney VR46 Racing Team) nelle ultime fasi mentre si trovava in terza posizione. Il poleman Aron Canet (Flexbox HP40) verso metà gara era secondo dietro ad Acosta ma è caduto.

Acosta davanti a Canet nella prima parte di gara

Canet scatta dalla pole position ma Acosta è eccezionale in staccata alla San Donato. Sam Lowes passa Canet alla Casanova/Savelli ma lo spagnolo replica al secondo giro. Lowes lotta con il suo compagno di box in casa Elf Marc VDS Racing Team Tony Arbolino per la terza posizione.

Acosta e Canet prendono un secondo di margine nei confronti degli inseguitori ma al 13° giro Canet perde l’anteriore alla Bucine e finisce nella ghiaia.

Acosta è sempre al comando ma dietro di lui non mancano i duelli: oltre a quello tra Lowes e Arbolino assistiamo anche al confronto tra Roberts e Ogura mentre Vietti continua la sua rimonta dopo essere scivolato in decima posizione a inizio gara.

Il leader della classifica mondiale supera la wildcard Mattia Pasini (Inde GASGAS Aspar Team) al sesto giro mentre al nono giro Ogura passa Lowes e poi il lombardo che però replica poco dopo.

Ogura sorpassa Arbolino al 13° giro alla San Donato mentre Lowes sale in sesta posizione. Roberts e Vietti sono terzo e quarto davanti ad Arbolino.

All’inizio del 19° giro Arbolino si tocca con Lowes che cade: il lombardo viene sanzionato con un Long Lap Penalty.

A meno di tre giri dalla fine Vietti è terzo ma deve arrendersi a quello che sembra un problema meccanico.

Acosta vince la gara con quattro secondi di vantaggio su Roberts mentre il terzo posto è di Ogura che precede Arbolino e Augusto Fernandez (Red Bull KTM Ajo). In top ten troviamo anche Jake Dixon (Inde GASGAS Aspar Team), Cameron Beaubier (American Racing), Alonso Lopez (MB Conveyors Speed Up), Marcel Schrötter (Liqui Moly Intact GP) e Albert Arenas (Inde GASGAS Aspar Team). Pasini chiude la zona punti arrivando 15°.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

0 0 votes
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments