Pubblicità

All’Autodromo Internazionale del Mugello il leader della classifica Moto3 Sergio Garcia vince la gara del Gran Premio d’Italia  approfittando della penalizzazione comminata dopo la bandiera a scacchi al suo compagno di box in casa Valresa GASGAS Aspar Team Izan Guevara che lo aveva preceduto sulla linea del traguardo. Terzo posto per Tatsuki Suzuki (Leopard Racing) al termine di un finale davvero combattuto.

Dennis Foggia sembra l’uomo da battere ma il portacolori Leopard Racing Honda cade nel corso dell’11° giro, lo stesso in cui finisce a terra anche il turco Deniz Öncü (Red Bull KTM Tech3) dopo un contatto con Suzuki. Jaume Masia scatta male, poi si tocca con Stefano Nepa (Angeluss MTA Team) e termina la gara fuori dalla zona punti.

Al via il migliore è Öncü: alle sue spalle ecco Diogo Moreira (MT Helmets – MSI) e Guevara. I tre prendono un secondo di vantaggio ma la loro fuga non dura a lungo.

Foggia all’inizio del quinto giro grazie alla scia si porta al comando risalendo dalla quarta posizione.

A giocarsi la vittoria saranno Foggia, Öncü, Suzuki, Garcia e Guevara. Il turco però all’11° giro si tocca con Suzuki alla San Donato e vede terminare anzitempo la sua gara.

Riccardo Rossi (Sic58 Squadra Corse) sale al secondo posto mentre davanti a sé vede Foggia perdere il posteriore alla Casanova Savelli. La sua Honda resta in mezzo alla pista ma fortunatamente i piloti riescono a evitarla. A terra poco dopo anche Carlos Tatay (CFMoto Racing PruestelGP), John McPhee (Sterilgarda Husqvarna Max) e Daniel Holgado (Red Bull KTM Ajo) al Correntaio.

Suzuki guida la gara ma deve scontare un Long Lap Penalty: Andrea Migno (Rivacold Snipers Team) è in testa davanti a Guevara, Ryusei Yamanaka (MT Helmets – MSI), Diogo Moreira (MT Helmets – MSI), Garcia e Rossi. Poi è Guevara a portarsi davanti a tutti: lo spagnolo però commette un errore al 13° giro e scivola in quinta posizione.

Moreira al 16° giro per la prima volta va davanti mentre da dietro inizia la grande rimonta di Suzuki. Al comando adesso c’è Garcia ma il giapponese sfrutta al meglio la scia e all’inizio del 17° giro è primo.

Al 18° giro alla San Donato è Rossi a mettersi tutti dietro mentre al 19° passaggio Migno va largo e si trova alle spalle di Moreira e Guevara. All’inizio dell’ultimo giro la prima posizione è di Guevara che precede Suzuki, Migno, Garcia, Yamanaka, Moreira e Rossi.

Garcia attacca e passa Migno all’Arrabbiata 2 e poi si ripete nei confronti di Suzuki alla Scarperia. Ci attende un arrivo in volata che vede prevalere Guevara: il podio è compreso in soli 33 millesimi.

Guevara dopo la bandiera a scacchi però viene retrocesso di una posizione per aver superato i limiti della pista alla Biondetti 2. La vittoria dunque va a Garcia che precede Guevara e Suzuki.

Migno chiude in quarta posizione precedendo Yamanaka, Rossi, Ivan Ortola (Angeluss MTA Team), Elia Bartolini (QJMotor Racing Team), Matteo Bertelle (QJMotor Racing Team) e Adrian Fernandez (Red Bull KTM Tech3). Öncü – 15° – porta a casa un punto mentre Masia arriva 17°.

In classifica ora Garcia ha 28 punti di margine nei confronti di Guevara mentre Masia e Foggia si trovano a -42.

Questi sono i primi dieci alla fine della gara della Moto3:

1. Sergio Garcia (Valresa GASGAS Aspar Team)
2. Izan Guevara (Valresa GASGAS Aspar Team) – Penalizzato
3. Tatsuki Suzuki (Leopard Racing) + 0.033
4. Andrea Migno (Rivacold Snipers Team) + 0.158
5. Ryusei Yamanaka (MT Helmets – MSI) + 0.255
6. Riccardo Rossi (SIC58 Squadra Corse) + 1.020
7. Ivan Ortola (Angeluss MTA Team) + 5.408
8. Elia Bartolini (QJMotor Avintia Racing Team) + 5.498
9. Matteo Bertelle (QJMotor Avintia Racing Team) + 5.501
10. Adrian Fernandez (Red Bull KTM Tech 3) + 5.768

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

0 0 votes
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments