La Red Bull Racing ha sospeso Juri Vips, un giovane pilota estone che ha recentemente gareggiato per l’Hitech Grand Prix in Formula 2, dopo aver usato un insulto razziale mentre giocava a un videogioco su Twitch.

Lunedì, Vips stava giocando a “Call of Duty: Warzone” con Liam Lawson, un altro pilota junior della Red Bull, che stava trasmettendo il gioco in diretta su Twitch quando Vips ha imprecato e pronunciato il termine nigga. Lawson ha risposto rapidamente “Juri!” e rise.

All’inizio delle tre ore di streaming su Twitch, Lawson ha chiesto a Vips di indossare un berretto rosa della Red Bull, e Vips ha detto “No, è da gay”. “Juri, non puoi dirlo”, rispose Lawson.

La Red Bull Racing prevede di condurre “un’indagine completa sull’incidente”, secondo una dichiarazione condivisa dal team martedì.

“Come organizzazione condanniamo qualsiasi tipo di abuso e abbiamo una politica di tolleranza zero nei confronti del linguaggio o dei comportamenti razzisti all’interno della nostra organizzazione”, si legge nella dichiarazione.

In una dichiarazione separata su Instagram, Vips ha scritto delle scuse “per il linguaggio offensivo” durante il live streaming e ha detto che avrebbe collaborato con le indagini della Red Bull.

“Questo linguaggio è del tutto inaccettabile e non ritrae i valori e i principi che sostengo”, ha scritto Vips. “Sono profondamente dispiaciuto per le mie azioni”.

Questa non è la prima volta che gli atleti degli sport tradizionali si sono messi nei guai per aver usato insulti razzisti durante lo streaming su Twitch. Nel marzo 2021, l’organizzazione di eSport FaZe Clan ha interrotto i rapporti con Meyers Leonard dopo che il giocatore NBA ha usato un insulto antisemita durante uno stream di Twitch. I Miami Heat, la sua squadra dell’epoca, sospesero Leonard e la NBA lo multò di $ 50.000.

Gli atleti trascorrono sempre più spesso il loro tempo libero su Twitch, trasmettendo in streaming a migliaia di fan mentre giocano. Tra i giocatori NBA, De’Aaron Fox dei Sacramento
Kings e Josh Hart dei Portland Trail Blazers hanno entrambi i propri canali Twitch. Anche molti piloti professionisti di auto da corsa trasmettono in streaming su Twitch. Lando Norris, pilota di Formula 1 della McLaren Racing, ha più di 1,3 milioni di follower su Twitch .

Rispondi