Pubblicità

Giornata storica per Ducati. Francesco “Pecco” Bagnaia vince il GP d’Austria e cala il tris di vittorie consecutive per la casa di Borgo Panigale. Non accedeva dai tempi di Casey Stoner, ormai 15 anni fa, quando il pilota australiano firmò la tripletta nella stagione 2007 e poi 2008.

Bagnaia vince di forza, prendendosi la gara allo spegnersi dei semafori su Bastianini, e resistendo agli attacchi del compagno di squadra Jack Miller, prima, e alla rimonta di Fabio Quartararo, sul finale. Una vittoria che ha comunque un retrogusto un po’ amaro, per i colori italiani, per il problema tecnico che ha messo fuori dai giochi Enea Bastianini, autore della pole position. Un problema alla ruota anteriore, con il cerchio danneggiato che fa perdere pressione allo pneumatico.

Sotto un cielo che minaccia pioggia parte la gara della MotoGP, con i box già in allerta per un eventuale Flag to Flag. Enea Bastianini perde subito la prima posizione ottenuta con la pole position di ieri. A passare al comando è infatti Francesco “Pecco” Bagnaia. Cade Mir, ma i problemi più grossi sono davanti, con Bastianini che commette qualche errore di troppo e deve cedere posizioni a Miller e Martin. A seguire le quattro Ducati c’è Fabio Quartararo, che approfitta di un errore di Vinales per risalire in quinta posizione.

Il colpo di scena per la lotta alla vittoria e per i colori italiani al sesto giro. La Ducati di Enea Bastianini accosta e si ferma. Un problema al cerchio della ruota anteriore ferma la corsa di Bastianini, lasciano a Bagnaia l’onore italiano, con “Pecco” impegnato a guardarsi dagli attacchi del compagno di squadra Miller. Bagnaia resiste e riesce a crearsi un piccolo margine di sicurezza, mentre Martin si accoda a Miller. Quartararo studia la situazione e approfitta di un errore dello spagnolo per prendersi la terza posizione e poi mettersi al secondo posto nel tentativo di ricucire su Bagnaia.

Il ritmo è serrato per la corsa al podio. Jorge Martin forza troppo e cade all’ultimo giro. Francesco Bagnaia vince il GP d’Austria, seguito da Fabio Quartararo (+0.492) e da Jack Miller (+2.163).

Ottima la prova di Luca Marini, quarto al traguardo dopo una gara in crescendo e tenendo a bada Zarco sul finale. Aleix Espargaro, con l’Aprilia è sesto. Buona la gara anche di Marco Bezzecchi, che entra in top-ten con il nono posto. All’undicesimo posto l’altra guida del Team Gresini, Fabio Di Giannantonio. Andrea Dovizioso chiude la gara austriaca al 15esimo posto, mentre Lorenzo Savadori sulla terza Aprilia è 19esimo. Ritirato Franco Morbidelli.

La classifica iridata vede Fabio Quartararo sempre al comando con 200 punti, seguito da Aleix Espargaro a quota 168 punti ed ancora ampiamente in lotta per il titolo. Grazie alla nuova vittoria odierna Bagnaia conferma il terzo posto a 44 lunghezze dal francese (156). Vicini tra loro gli inseguitori: Johann Zarco (125) e Jack Miller (123), con Enea Bastianini che con lo zero di oggi resta fermo al sesto posto con 118 punti.

Credito fotografico archivio Lulop.com

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com