Pubblicità

Dopo una Misano dolce amara per EasyRace, il team padovano è arrivato a Imola pieno di ambizioni e di desideri ma, soprattutto, di rivincita. La sfortuna ha assalito ancora la numero #3, costretta al ritiro nella giornata di venerdì per un problema tecnico al propulsore. L’inghippo tecnico si è rivelato più grave del previsto costringendo il duo della classe Pro, Agostini – Vebster, al ritiro ancora prima di poter scendere in pista per le qualifiche.

L’equipaggio Challenge riesce a portare la sua 488 al termine in entrambe le prove con una stoica prestazione da parte del duo composto da Rocco Mazzola e Luigi Coluccio. In gara 1, partiti dalla quinta piazza, Coluccio apre le danze risalendo la classifica per poi consegnare la staffetta a Mazzola. Con un sorpasso all’ultima curva, EasyRace si assicura il secondo posto di classe con una penalità di 30 secondi ai box.

Gara 2 è meno radiosa dal punto di vista dei risultati. Un problema al mozzo posteriore della Challenge del team di Padova costringe la partenza dal fondo del gruppo. Una grande rimonta, in una pista che non permette molti sorpassi, si conclude con il settimo posto di classe.

“E’ stato un week-end dolce amaro” commenta Michele Paccagnella, head di EasyRace: “sicuramente dispiace per Daniel (Vebster ndr) e Riccardo (Agostini ndr) dato che avevano dimostrato una grande velocità. Coluccio e Mazzola hanno ancora sorpreso per tenacia, tecnica e aggressività. Peccato ancora una volta per i problemi tecnici e per le costrette rimonte dal fondo. Abbiamo limitato i danni, ora c’è da spingere fino in fondo”.

Photo Credits: Elisa Castelli – EasyRace

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

Rispondi