Pubblicità

Il GP d’Australia regala emozioni su emozioni e ribalta la classifica iridata. Francesco “Pecco” Bagnaia torna dal nuovo continente nel ruolo di nuovo leader del mondiale, quando mancano solo due round alla chiusura di stagione. Fabio Quartararo cade e colleziona un nuovo zero. Il tutto al termine di una gara combattuta e tirata, con un trenino di sette piloti sul finale a giocarsi la vittoria. La spunta meritatamente Alex Rins. Lo spagnolo vince riportando al vertice la Suzuki pronta ad abbandonare il mondiale a fine stagione. Alle sue spalle, di poco, Marc Marquez e proprio il nostro Bagnaia.

La gara che ribalta la classifica vede anche gli altri italiani protagonisti. Appena fuori dal podio infatti troviamo Marco Bezzecchi, Enea Bastianini e Luca Marini. Tutti su Ducati. La moto di Borgo Panigale mette sei moto nelle prime otto posizioni. Tutto bello, tutto positivo. Il mondiale parla italiano e ci regale emozioni.

Chi invece torna a casa con parecchi problemi è Fabio Quartararo. Il francese oggi va a terra e non porta a casa punti. Sembra quasi che il finale si stagione lo abbia messo veramente in crisi e sotto pressione. Ora il pilota francese si ritrova a recuperare 14 punti in due gare, con Bagnaia che potrebbe già festeggiare il titolo a Sepang. Occorre per entrambi non commettere più errori. Mentre Aleix Espargaro, pur rimanendo matematicamente in corsa per il titolo, deve sperare più nel miracolo o nella cattiva sorte degli avversari. Il gap dello spagnolo è ora di 27 punti dopo il nono posto ottenuto oggi.

Tornando alla gara vediamo che Quartararo ha imboccato una giornata veramente no. Un lungo al quarto giro lo relega in 22esima posizione, costringendolo a forzare il ritmo e tentare una rimonta disperata. Davanti invece Miller prova il recupero e si riporta a ridosso della testa della corsa, dove Martin, Marquez e Bagnaia dettano il ritmo. Chi invece vola in pista è Rins, che risale presto dal decimo al terzo posto, dopo un bel sorpasso su Miller e Bagnaia. La corsa di Miller finisce però al nono giro, quando Alex Marquez urta l’australiano. Piloti a terra e gara finita per entrambi.

Solo un giro per vedere il colpo di scena che scuote il mondiale. All’undicesimo passaggio è Fabio Quartararo ad assaggiare la ghiaia australiana. Alla seconda curva perde l’anteriore e finisce a terra. In testa alla corsa invece continuano a scambiarsi le posizioni Bagnaia, Rins e Marquez, con il pilota Honda che pare essersi dimenticato di tutti i problemi al braccio.

Nel trenino dei primi si incollano anche Bezzecchi, bravissimo e nuovo Rookie of the year, Marini e Bastianini. Il finale è da cardiopalma, con Bagnaia che si trova al primo posto all’inizio dell’ultimo giro. Passa prima Rins, poi si infila Marquez e in volata via verso il traguardo, che vede una Suzuki nuovamente e finalmente prima sotto la bandiera a scacchi. Rins vince su Marquez (+0.186), terzo Bagnaia (+0.224). A seguire in poco meno di 9 decimi Bezzecchi, Bastianini, Marini e Martin.

Il mondiale si prepara alla trasferta malese di Sepang con Bagnaia leader con 233 punti, seguito da Quartararo 219 punti ed Espargaro 206 punti.

Credito fotografico ©Lulop.com

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

0 0 votes
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments