Pubblicità

La Ferrari ha presentato la sua nuova vettura LMH a propulsione ibrida, la 499P, in vista del suo ritorno ai massimi livelli delle gare di auto sportive nel FIA World Endurance Championship del prossimo anno.

La Ferrari 499P, che è stata sviluppata internamente a Maranello, rappresenterà la prima offerta ufficiale dell’azienda per il riconoscimento assoluto alla 24 Ore di Le Mans in mezzo secolo.

Sarà alimentato da un motore V6 turbo da 3 litri posizionato nella parte posteriore centrale e da un sistema di recupero dell’energia sull’asse anteriore da 200 kW che consentirà la capacità di trazione integrale a una velocità definita dal Balance of Performance del WEC.

Il propulsore include anche una batteria da 900 volt e una trasmissione Xtrac a sette velocità.

L’elemento 499 del nome dell’auto si riferisce alla somma della cilindrata di quasi 3.000 cc divisa per il numero di cilindri, mentre la “P” rappresenta una designazione tradizionalmente data ai prototipi sportivi della casa.

Come già annunciato, il team ufficiale Ferrari AF Corse guiderà due 499P nella classe Hypercar del WEC e di Le Mans, mentre i piloti devono ancora essere confermati.

“La 499 P ci vede tornare a competere per la vittoria assoluta nella serie WEC”, ha affermato il presidente esecutivo della Ferrari John Elkann.

“Quando abbiamo deciso di impegnarci in questo progetto, abbiamo intrapreso un percorso di innovazione e sviluppo, fedeli alla nostra tradizione che vede nella pista il terreno ideale per spingere i confini di soluzioni tecnologiche all’avanguardia; soluzioni che col tempo verranno trasferite sulle nostre vetture stradali.”

“Entriamo in questa sfida con umiltà, ma consapevoli di una storia che ci ha portato a oltre 20 titoli mondiali di resistenza e nove vittorie assolute alla 24 Ore di Le Mans”.

La Ferrari ha anche presentato la livrea da gara della nuova vettura, con la base rossa e le linee gialle che ricordano la combinazione di colori della Ferrari 312PB vincitrice del Campionato del Mondo Sportscar nel 1972, che è stata anche l’ultimo prototipo dell’azienda costruito a Maranello. Le due Ferrari 499P nella stagione WEC del prossimo anno gareggeranno come n. 50 e n. 51.

Il primo si riferisce al 50° anniversario della più recente partecipazione della Ferrari nella massima serie delle corse di auto sportive, mentre il secondo è un numero che la Ferrari ha utilizzato negli ultimi anni per i suoi ingressi ufficiali nella classe WEC GTE-Pro e in altre importanti gare GT .

“La 499P è un sogno che si avvera”, ha affermato Antonello Coletta, direttore delle corse automobilistiche della Ferrari, il cui reparto Attivita Sportive GT ha guidato lo sviluppo del veicolo.

“Oggi è un momento importante per tutte le persone che hanno lavorato così duramente su questo progetto negli ultimi due anni. Abbiamo voluto rendere omaggio alla nostra storia, con tanti riferimenti, grandi e piccoli, a un passato fatto di successi e titoli. Lo facciamo però, guardando avanti, creando un manifesto del nostro impegno per il Campionato Mondiale di Endurance.”

“La 499P è un prototipo che è decisamente Ferrari, nel senso più pieno del termine, e ci dà un’enorme emozione nel mostrarla finalmente ai nostri clienti e ai tanti appassionati del marchio”.

Il direttore tecnico Ferdinando Cannizzo, il cui ruolo è responsabile dello sviluppo auto da pista della Ferrari GT, ha aggiunto: “Per me e tutto il team, questo è un momento davvero emozionante. Sappiamo di avere una grande responsabilità. Abbiamo progettato e ingegnerizzato un’auto nuova di zecca e particolarmente complessa sotto ogni aspetto.”

“Questa sfida senza precedenti ha motivato tutti a una collaborazione onnicomprensiva e condivisa che coinvolge tutti i dipartimenti della nostra azienda e i nostri partner tecnici”.

La Ferrari 499P è idonea per correre nella classe GTP dell’IMSA WeatherTech SportsCar Championship, ma il produttore è attualmente confermato solo per correre nel WEC.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

0 0 votes
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments