Il campione in carica della MotoGP della Ducati, Francesco Bagnaia, ha fatto calare il sipario sui test pre-stagionali del 2023 in grande stile, diventando il primo pilota a girare Portimao in 1’37 al suo penultimo giro.

Ma il precedente dominio Ducati/Aprilia delle prime posizioni è stato interrotto dalla Yamaha Fabio Quartararo in terza posizione.

Mentre Bagnaia ha dominato la classifica dei tempi da mezzogiorno in poi, Johann Zarco della Pramac Ducati ha superato il connazionale Quartararo nel tardo pomeriggio per il secondo posto.

Tuttavia, Quartararo ha fatto grandi progressi domenicali nonostante sia passato alla carenatura e alle ali anteriori Yamaha dello scorso anno. Il francese si è presentato anche con un’ala in stile Aprilia sul retro della sua moto, che Cal Crutchlow ha provato a Sepang.

I compagni di squadra della VR46 Luca Marini e Marco Bezzecchi, più la nuova Ducati ufficiale Enea Bastianini hanno strappato rispettivamente un quarto, quinto e sesto posto, spingendo Alex Marquez di Gresini e il leader Jorge Martin (Pramac) al settimo e ottavo posto.

Questo a sua volta ha spinto Brad Binder al nono posto. Il sudafricano in precedenza ha trascinato la sua KTM dalla parte bassa della classifica dei tempi a un impressionante sesto posto.

Crisi profonda in casa Honda, con il nuovo acquisto Joan Mir che ha concluso come il migliore degli RCV in 13 ° posizione (+0,794 secondi). Dopo un problema tecnico e poi un incidente alla curva 1, il compagno di squadra Marc Marquez è entrato brevemente nella top ten prima di essere costretto ad accontentarsi del 14° posto, appena davanti ad Alex Rins della LCR.

Gli ultimi giri lanciati hanno spinto anche le Aprilia di Aleix Espargaro (che teme di doversi operare al braccio), Miguel Oliveira e Maverick Vinales al decimo, undicesimo e dodicesimo posto.

I compagni di squadra della RNF Oliveira e Fernandez sono caduti a poche curve di distanza, mentre la ricerca di Marini di completare un giro perfetto più veloce di tutti quanti, è stata fermata da un problema tecnico.

Molti piloti hanno utilizzato l’ultimo giorno per condurre simulazioni di gara Sprint.

Bagnaia e Bastianini sembravano tra i migliori, ma Quartararo era tra i numerosi piloti (tra cui anche Alex Marquez e Martin) che si univano alle Ducati ufficiali con un ritmo medio di 1’39,1-39,2 secondi.

Marc Marquez è stato anche più vicino a Bagnaia durante il suo long run, con un deficit di circa 0,3-0,4 secondi al giro, distacco simile a Bezzecchi, Marini e Raul Fernandez.

Ma il verdetto post-test dei piloti è stato chiaro: la velocità bruciante di Bagnaia sia sul giro singolo che sul ritmo di gara significa che si dirige verso l’apertura della stagione come favorito.