Lewis Hamilton ha fornito una visione cautamente opposta rispetto ai suoi colleghi al ritorno della Formula 1 sul circuito di Jeddah Corniche in Arabia Saudita.

L’evento del 2022 è stato scosso da problemi di sicurezza dopo che i missili hanno colpito un deposito di petrolio a circa 20 km dal circuito. L’intero weekend di gara è proseguito ugualmente ma solo dopo lunghe riunioni tra piloti, organizzatori e Formula 1.

L’evento è stato gestito senza ulteriori interruzioni e gli organizzatori hanno cercato di dare maggiori rassicurazioni sulla sicurezza in vista dell’evento del 2023.

In vista del GP dell’Arabia Saudita, a molti piloti è stato chiesto se avessero preoccupazioni per la loro sicurezza durante l’evento.

La maggior parte dei piloti ha espresso vari gradi di fiducia sulla propria sicurezza, ma nessuno è arrivato al punto di dire che non si sentivano sicuri nella sede di Jeddah.

Hamilton, che è stato l’ultimo pilota a cui è stato chiesto cosa pensasse di tornare in sede, ha semplicemente descritto le sue opinioni come opposte a tutti gli altri piloti.

“Non ho molto da aggiungere. Tutto il contrario di tutto ciò che hanno detto”, ha risposto Hamilton ai media.

Quando gli è stato chiesto di spiegare il suo punto di vista opposto, Hamilton non è stato disposto a esprimere ulteriormente le sue opinioni e ha rivolto la sua attenzione alla pista che definisce fantastica.

“La pista è davvero fantastica e non vedo l’ora di affrontare la sfida di cercare di capire se siamo più vicini o meno questo fine settimana o se siamo più indietro. Quindi, quella parte del mio lavoro di cui sono entusiasta”.

Quando gli viene chiesto se ha avuto problemi con la sicurezza o gli aspetti politici di ospitare una gara di F1 in Arabia Saudita, Hamilton risponde:

“Non voglio entrare in nessuno dei due argomenti. Speriamo che tutti abbiano un fine settimana sicuro, e speriamo che tutti tornino a casa sani e salvi dopo. Questo è il massimo che possiamo fare, giusto?”