C’è chi aveva tanto da dire in questa Dakar. E chi in passato ha scritto la storia di questa pazza corsa. Ma “C’est le Dakar”. E così chi doveva essere protagonista ora si trova a correre fuori da ogni ambizione di vittoria solo per portare il proprio mezzo al traguardo finale. Ma alla fine si tratta sempre di piloti, nati e pagati per correre al massimo. E oggi due degli esclusi hanno dato prova di carattere portando le loro Audi al primo e secondo posto nella categoria auto. Matthias Ekstrom si aggiudica l’ottava tappa, precedendo il team-mate Stephane Peterhansel. Entrami comunque restano fuori dai giochi per la vittoria finale.

Il tutto al termine della ottava tappa che ha portato la carovana dei superstiti da Al Duwadimi fino al bivacco di Hail, dopo 678 chilometri. Prova speciale complessa di 483 chilometri, quasi tutti su sabbia. Prova che ha messo in luce nella categoria moto i fratelli Benavides, che già ieri si erano messi in luce chiudendo la settima tappa alle spalle di “Nacho” Cornejo Florimo. Oggi i due argentini arrivano in ordine inverso, con Kevin a precedere Luciano.

Nulla cambia in termini di posizioni in classifica generale rispetto alla giornata di ieri. Tra le due ruote però il distacco di un solo secondo tra Brabec e Branch si dilata fino a 42 secondi. Tra le auto invece, complice il decimo posto di Loeb, si registra un sensibile allungo di Carlos Sainz, che ora comanda con quasi 25 minuti di vantaggio sul francese.

Moto: i fratelli Benavides su tutti

Se fino ad oggi erano state Honda (per via del numero di stage vinti) ed Hero (per via della costanza di rendimento di Branch) a tenere banco, oggi cambiano i protagonisti. Sono i fratelli argentini Benavides, in sella, ironia della sorte, a moto gemelle, ma appartenenti a marchi diversi. Kevin milita infatti nelle file dello squadrone Red Bull KTM, Luciano invece, praticamente con la stessa moto, corre con i colori Husqvarna. Oggi il ritmo l’hanno dettato loro, che chiudono nell’ordine separati da 31 secondi. Più staccato Adrien Van Beveren, sempre in sella alla Honda. Il francese chiude ad un minuto e 27 secondi, precedendo “Nacho” Cornejo Florimo (+1’41”) e Toby Price (+2’18”). Distacchi più sensibili per i due al comando della generale. Brabec è settimo e precede di una quarantina di secondi Branch, ma la lotta al vertice resta comunque più che aperta.

Per vedere il primo italiano, dopo il ritiro di Paolo Lucci, occorre scorrere la classifica fino al 28esimo posto per trovare Tommaso Montanari. Poi giù fino alla 51esima posizione di Gioele Meoni, fenomenale alla sua prima Dakar.

Auto: la giornata delle Audi out of game

Giornata di tattica per Carlos Sainz, che oggi si limita a giocare in difesa controllando l’avversario più diretto, Sebastien Loeb. Oggi lo spagnolo si “accontenta” di un quarto posto di tappa a 5 minuti e 13 secondi dal vincitore. Vincitore che risponde al nome di Mattias Ekstrom, fino a pochi giorni fa papabile vincitore della Dakar. Rientrato in gara con il jolly del re-start, lo svedese ha fatto da fedele scudiero all’unica Audi ancora in grado di puntare alla vittoria. Insieme a lui Stephane Peterhansel, pure in gara ma senza velleità di vittoria.

Le due Audi “scortano” Sainz a fine tappa, lasciando solo lo spazio a Guerlain Chicherit di infilarsi al terzo posto. Peterhansel chiude a +2’45”, Chicherit a +3’10”, Sainz a +5’13”. Chiude la top-five di giornata Seth Quintero con la Toyota con i colori del Gazoo Racing a +7’ 52”. Attardato invece Sebastien Loeb, che oggi paga 11 minuti dalla vetta e soprattutto prende altri minuti preziosi da Carlos Sainz.

Dakar 2024 – Classifica tappa 8

Moto:

  1. Kevin Benavides – Red Bull KTM Factory Racing – 03H 35’ 03”
  2. Luciano Benavides – Husqvarna Factory Racing – +00H 00’ 31”
  3. Adrien Van Beveren – Monster Energy Honda Team – +00H 01’ 27”

Auto:

  1. Mattias Ekstrom – Team Audi Sport – 03H 17’ 15”
  2. Stephane Peterhansel – Team Audi Sport – +00H 02’ 45”
  3. Guerlain Chicherit – Overdrive Racing – +00H 03’ 10”

Dakar 2024 – Classifica generale

Moto:

  1. Ricky Brabec – Monster Energy Honda Team – 36H 16’ 31”
  2. Ross Branch – Hero Motorsports Team Rally – +00H 00’ 42”
  3. Jose Ignacio Cornejo Florimo – Monster Energy Honda Team – +00H 04’ 21”

Auto:

  1. Carlos Sainz – Team Audi Sport – 33H 29’ 10”
  2. Sebastien Loeb – Bahrain Raid Xtreme – +00H 24’ 47”
  3. Lucas Moraes – Toyota Gazoo Racing – +01H 05’ 13”

Credito fotografico ©Lulop.com