Alvaro Bautista ha dominato gli ultimi campionati del WorldSBK, ma i test per la stagione 2024 sono sembrati tutt’altro che positivi per lo spagnolo.

Il pilota ufficiale Ducati ha lottato contro il dolore e non ha la stessa forma brillante che normalmente vediamo da lui.

Il compagno di squadra di Bautista, Nicolò Bulega, è stato il protagonista dei test pre-stagionali, ma Bautista ammette di non essere dove dovrebbe essere in vista del weekend di apertura del mese prossimo a Phillip Island.

“Fondamentalmente, posso dire che è andata meglio di Jerez ma non abbastanza”, ha detto Bautista a WorldSBK.com. “Il primo giorno ho sentito un grande miglioramento rispetto a Jerez per quanto riguarda la mia condizione fisica, ma martedì mi sono sentito un po’ peggio rispetto a lunedì.

“Inoltre, abbiamo lavorato con la moto e penso che abbiamo preso l’assetto che non era il migliore perché, alla fine della giornata, abbiamo visto il modo in cui siamo partiti dal primo giorno, forse non sono al 100% e non riesco a spingere al limite.

“Forse non era corretto, ma alla fine ce ne siamo resi conto. Non sono al 100% ma penso che ci manchi qualcosa sul setup della moto.”

“Sono stati due giorni difficili, ma ora abbiamo un po’ di tempo per pensare al setup della moto e cercare di recuperare un po’ di più per l’Australia”.

Bautista dovrà lottare per le vittorie fin da gara uno della stagione, mettendo così da parte la nuova regola dei pesi minimi.

Tuttavia, dal punto di vista della pista, non c’è stato alcun segnale che il 2024 sarà semplice da questo punto di vista.

Bautista ha aggiunto: “Non ho il giusto feeling, ma ho fiducia. Cercherò di lavorare il più duramente possibile a casa, penso che questo sia l’unico modo. Non importa la fiducia. Se lavoriamo sodo, è l’unico modo per arrivare in condizioni migliori.”

“Vediamo. Devo valutare giorno per giorno e poi, quando arriveremo in Australia, vedrò come sono le mie condizioni fisiche e cercheremo di fare del nostro meglio”.