In F1, l’informazione vale più dell’oro. Tutti i team portano con la massima segretezza lo sviluppo delle loro auto, i loro piani futuri e la creazione della monoposto per l’anno successivo. Ecco perché, quando un ingegnere o un pilota cambia squadra, la domanda principale che sorge nella squadra da cui esce tale risorsa è se ciò significherà anche rivelare alcuni segreti ai loro avversari. Tuttavia, Toto Wolff ha chiarito che non è affatto preoccupato per la possibilità che Hamilton possa condividere alcune conoscenze e informazioni su Mercedes all’arrivo in Ferrari nel 2025. 

“ In termini di sviluppo futuro, è qualcosa che dobbiamo considerare. Quando arriverà l’anno 2025, valuteremo più avanti nella stagione cosa significa in termini di informazioni tecniche. Ma non è qualcosa che mi disturba affatto. Abbiamo ingegneri che vanno ad altri team e i tempi di notifica sono talvolta di soli sei mesi”, ha dichiarato Toto Wolff in una conferenza stampa dopo l’annuncio della firma di Hamilton da parte della Ferrari dal prossimo anno. 

“ Non ho dubbi sull’integrità di Lewis in termini di condivisione delle informazioni. Vogliamo assicurarci che questa sia una stagione di successo sia per i piloti che per la Mercedes e tutti noi faremo del nostro meglio per raggiungerla “, ha aggiunto l’austriaco. 

Inoltre, Toto Wolff ha assicurato prima dell’inizio della stagione che tratterà Lewis Hamilton e George Russell allo stesso modo, come ha fatto fino ad ora, Sebbene abbia riconosciuto che avrebbe dovuto studiare come gestire la situazione futura di Lewis in relazione alle questioni relative alla Mercedes del 2025. 

“Ho sempre cercato di essere trasparente ed equo e nulla cambierà al riguardo nel 2024. Lo dobbiamo ai nostri principi e alla nostra intenzione di competere e mi assicurerò che i piloti lo rispettino “, ha spiegato. Anche se in seguito, deve essere dimostrato in pista. 

“Sono sempre interessato a situazioni nuove e stimolanti, e bilanciare gli interessi della Mercedes nel 2024 con gli interessi dei piloti del 2025 è qualcosa di cui discuteremo apertamente all’inizio su come gestirlo e, sicuramente, arriveremo a un buon risultato su come gestirlo “, ha concluso.