Alla Red Bull non si sono nascosti molto nei test del Bahrain. Fin dal primo minuto Max Verstappen ha voluto dimostrare che la nuova RB20 ricalca le performance della scorsa stagione. Quando tutti i team cercavano di avvicinarsi al concetto della Red Bull 2023, Adrian Newey, consapevole di ciò, ha rivoluzionato la vettura e la preseason è servita a confermare che la nuova filosofia non è sbagliata.

Anche se non hanno ottenuto buoni tempi, il loro ritmo di gara e il loro degrado sembrano essere di gran lunga i migliori sulla griglia. Max Verstappen ha concluso la giornata di test molto felice . L’olandese non si è mostrato a disagio con la nuova RB20 ed ha avvertito i suoi rivali che la vettura ha ancora molto da migliorare e che hanno ancora molto da capire sulla vettura.

Le novità della nuova RB20

Il tre volte campione del mondo si è trovato molto a suo agio con la nuova vettura e non ha riscontrato molte differenze rispetto alla vettura del 2023 . “Non ho sentito una grande differenza con la vettura dell’anno scorso,” ha spiegato Verstappen, che ha assicurato che il feeling in entrata e in uscita dalle curve è molto simile a quello della RB19.

La sua grande prestazione nel 2023 non è stata un ostacolo per Newey quando si è trattato di correre rischi con la nuova vettura. L’olandese non ha dubitato per un secondo dei suoi ingegneri , visto che negli ultimi anni hanno realizzato la vettura più veloce sulla griglia.

Nonostante ciò, il pilota ha dichiarato che il nuovo concetto della RB20 è molto interessante e che lo ha sorpreso quando l’ha visto, ma che è consapevole di non essere un ingegnere e di doversi dedicare alla guida e al massimo rendimento della vettura. “Quando si arriva in pista è sempre un mistero , ma negli ultimi anni abbiamo sempre fatto bene,” ha detto Max, pensando già al GP del Bahrein.

Il ritmo della Ferrari

La Ferrari è stata una delle squadre che ha sorpreso di più nei test e, a priori, potrebbe essere la squadra più vicina a loro. “Non ci penso”, ha detto Verstappen quando gli è stato chiesto del ritmo sul giro singolo mostrato dagli italiani. Venerdì prossimo, in classifica, tutte le squadre chiariranno i loro dubbi e si vedrà se saranno davvero così dominanti.