Matt Campbell si è assicurato la prima pole position di Porsche Penske Motorsport nel FIA World Endurance Championship battendo il pilota della Toyota Nyck de Vries in vista della 1812 km di apertura della stagione di sabato.

Il pilota australiano ha guidato la Porsche 963 numero 5 al miglior giro in 1:39.347, battendo la Toyota GR010 Hybrid numero 7 di De Vries di 0,164 secondi.

I due piloti si sono scambiati il miglior tempo al termine di una tesa sessione di Hyperpole, che fa parte di un formato di qualifica rivisto introdotto per questa stagione.

Con il nuovo sistema, che ha visto la corsa divisa in due sessioni, le prime dieci vetture nelle qualifiche iniziali sono passate all’Hyperpole, mentre le restanti posizioni in griglia sono state decise dopo l’eliminazione.

Toyota era una vettura in meno in Hyperpole dopo un giro lanciato in ritardo di Alex Lynn sulla Cadillac V-Series n. 2.R ha fatto cadere la vettura n. 8 di Brendon Hartley fuori dalla top ten.

Entrambe le Alpine, le due BMW M Hybrid V8, la Lamborghini SC63 n. 63 e la Porsche Proton n. 99 sono state alcune delle altre auto che non sono riuscite a raggiungere l’Hyperpole.

Nella sessione decisiva, De Vries è andato vicino a battere Porsche e sembrava essere sulla buona strada per la pole provvisoria con un tempo sul giro di 1:39.511.

Campbell ha poi risposto con un miglioramento all’ultimo respiro che ha dato a Porsche la sua prima pole position assoluta dell’era Hypercar del WEC. È anche la prima volta che una vettura LMDh guida le qualifiche del WEC da quando la piattaforma è entrata a far parte del campionato lo scorso anno.

Callum Ilott ha completato la top 3 assoluta a bordo della Porsche numero 12 del Team Hertz JOTA, davanti alla Ferrari 499P numero 50 di Antonio Fuoco. Kevin Estre si è piazzato quinto a bordo della vettura numero 6, guidando la Peugeot 9X8 più veloce con Jean-Eric Vergne in sesta posizione assoluta.

Lynn si qualificò settimo al volante della Cadillac V-Series.R n. 2, con Antonio Giovinazzi ottavo sulla Ferrari n. 51. Jenson Button e Stoffel Vandoorne hanno completato la top ten rispettivamente per JOTA e Peugeot.

Da notare che un certo numero di auto importanti, tra cui sia le Porsche JOTA che le due Ferrari di AF Corse iscritte in fabbrica, sono sotto inchiesta per una potenziale violazione delle procedure di rifornimento.

Van Rompuy di TF Sport conquista la prima pole dell’era LMGT3

Tom van Rompuy ha conquistato la prima pole position dell’era LMGT3 vincendo le qualifiche a bordo della Chevrolet Corvette Z06 GT3.R numero 81 di TF Sport.

Il belga ha inanellato un giro di 1:54.372 per battere la Porsche 911 GT3 R numero 92 del team Manthey PureRxcing di Alex Malykhin di 0,807 secondi.

La Corvette ottiene così la prima pole position per la nuova auto GT3 per il 2024 nella sua seconda gara di partecipazione, dopo aver debuttato nella Rolex 24 a Daytona a gennaio. Thomas Flohr si è piazzato terzo, a soli 0,003 secondi di ritardo sulla Ferrari 296 GT3 numero 54 di Vista AF Corse.

I piloti dell’Aston Martin hanno completato il resto della top five, con Clement Mateu quarto per D’station Racing davanti al pilota di The Heart of Racing Ian James.

Iron Dames ha conquistato il sesto posto con Sarah Bovy sulla Lamborghini Huracan GT3 EVO2 numero 85, davanti alla coppia di McLaren 720S GT3 Evo di United Autosports di James Cottingham e Josh Caygill. Ahmed Al Harthy e François Heriau hanno completato la top ten del Team WRT e di AF Corse.

La BMW M4 GT3 numero 46 è riuscita a malapena ad entrare in Hyperpole dopo aver fatto segnare un giro veloce solo all’ultima occasione disponibile nella prima sessione di qualifiche.

Ciò ha eliminato la seconda Corvette TF Sport di Hiroshi Koizumi, mentre Yasser Shahin e la BMW n. 31 di Darren Leung non sono riusciti a passare il taglio.

Altre eliminazioni degne di nota sono state entrambe le Lexus RC F GT3 dell’Akkodis ASP Team, mentre le due Ford Mustang GT3 del Proton Competition non sono riuscite a qualificarsi per l’Hyperpole.

RISULTATI QUALIFICHE 6H QATAR WEC 2024