La coppia funziona. E così Toprak Razgatlioglu firma il primo successo stagionale in sella alla BMW M 100 RR gestita dal Team Rokit BMW Motorrad. Una gara conquistata all’ultimo giro, che premia la costanza del turco e la buona gestione delle gomme sul circuito di Barcellona. Secondo posto per Nicolò Bulega, che sembrava avere la vittoria nel polso destro, ma che invece, proprio all’ultimo giro, ha dovuto cedere la posizione a Razgatlioglu proprio per il degrado delle coperture. Completa il podio Alvaro Bautista, autore di una eccezionale rimonta dall’undicesima casella

Si riassume così Gara 1 del Round di Catalunya, che vede il circus della Superbike impegnato nel secondo appuntamento stagione. Caldo e degrado delle gomme: sono queste le caratteristiche della prima gara disputata in programma sul circuito alle porte di Barcellona. Si rimescolano ma in parte si pareggiano i conti dei risultati visti nelle sessioni di prove del venerdì, dove le FP1 erano state dominate dalle BMW di Razgatlioglu e Van Der Mark, e le FP2 dalle Ducati di Bulega e Bautista. Le FP3 hanno fatto da cuscinetto alla Superpole che ha visto le moto tedesche mettere sotto confine le moto Bulega e Iannone. Razgatlioglu si aggiudica la prima casella, mentre l’olandese apre la seconda file. Bautista sprofonda invece a centro gruppo in undicesima posizione.

Gara 1 parte con Razgatlioglu che apre le danze portandosi in scia Sam Lowes e Iannone, da subito protagonista. Lowes passa al comando e tiene la prima posizione per due passaggi, prima di essere costretto al ritiro. Nicolò Bulega si libera sia di Iannone che di Razgatlioglu e si porta in testa allungando sugli inseguitori e costruendo un consistente margine di vantaggio.

Bulega pare poter gestire tutta la gara, arrivando al 13esimo passaggio ad avere un gap in positivo di oltre 4 secondi e 6 decimi sul turco. Da qua in poi inizia il calvario per la Ducati numero 11, che inizia a perdere terreno, fino al ricongiungimento ed al sorpasso all’ultimo giro di Razgatlioglu, che si aggiudica così Gara 1.

Se Bulega soffre, Bautista vola. Lo spagnolo trova ritmo e concentrazione per infilare tutti i piloti che lo precedono. La partenza dall’undicesima posizione si conclude con un ottimo terzo posto, conquistato davanti ad Andrea Iannone, sempre più a suo agio nel mondo delle derivate dalla produzione di serie. Andrea Locatelli chiude la top-five.

Giornata da dimenticare per Jonathan Rea. Il pluricampione ora in sella alla Yamaha YZF R1 colleziona un altro zero sul suo personale ruolino di marcia, non riuscendo a chiudere nemmeno il primo giro. Un lungo dopo poche curve dallo spegnersi del semaforo e problemi tecnici lo costringono a rientrare mestamente ai box.

WSBK – Pirelli Catalunya Round – RACE 1

  1. Razgatlioglu       BMW
  2. Bulega                 Ducati                   +0.868
  3. Bautista               Ducati                   +5.338
  4. Iannone               Ducati                   +8.543
  5. Locatelli               Yamaha                +9.818
  6. A. Lowes             Kawasaki             +11.190
  7. Petrucci               Ducati                   +12.020
  8. Aegerter              Yamaha                +12.329
  9. Van Der Mark    BMW                    +16.677
  10. Bassani               Kawasaki             +17.144
  11. Rinaldi                Ducati                   +18.895
  12. Gerloff                BMW                    +19.447
  13. Lecuna               Honda                  +22.194
  14. Vierge                Honda                  +22.233
  15. Gardner             Yamaha                +32.087
  16. Mackenzie          Honda                  +34.181
  17. Redding             BMW                    +37.540
  18. Ray                   Yamaha                +38.241
  19. Oettl                  Yamaha                +38.752
  20. Norrodin            Honda                  +59.422
  21. Rabat                Kawasaki             1 Lap

Credito fotografico ©Lulop