La Ferrari n°50 ha perso la pole position per la 6 Ore di Spa-Francorchamps dopo essere risultata sottopeso dopo la sessione di qualifiche di venerdì.

Antonio Fuoco ha ottenuto la sua seconda pole consecutiva al volante della Ferrari 499P che condivide con Nicklas Nielsen e Miguel Molina, battendo la Porsche 963 Penske di Matt Campbell di 0,507 secondi in Hyperpole.

Ma un rapporto dei commissari pubblicato venerdì sera ha rivelato che l’auto vincitrice della pole non ha rispettato le norme sul peso minimo rimediando la squalifica e l’annullamento di tutti i tempi registrati nelle qualifiche.

In questo modo, la Porsche numero 5 di Campbell, Frederic Makowiecki e Michael Christensen è ora promossa in pole position, davanti alla Cadillac V-Series.R condivisa da Alex Lynn e Earl Bamber e alla Porsche Proton Competition di Neel Jani e Julien Andlauer.

Il primo rappresentante della Ferrari sulla griglia di partenza è ora la vettura numero 83 di AF Corse, che viene promossa all’ottavo posto.

Fuoco, Nielsen e Molina prenderanno il via della gara di sabato dalle retrovie delle 19 vetture Hypercar.

United Autosports perde la prima fila in LMGT3

Anche la McLaren 720S GT3 Evo numero 95 della United Autosports è stata squalificata per un’infrazione simile, perdendo il secondo posto sulla griglia di partenza della LMGT3.

Josh Caygill aveva messo la McLaren numero 95 in prima fila dietro alla poleman di classe Sarah Bovy, ma la vettura è risultata non solo sottopeso, ma anche con una distribuzione del peso errata nei controlli post-qualifica.

Significa che l’auto che Caygill condivide con Nico Pino e Marino Sato va in fondo alla griglia.

La BMW M4 GT3 WRT di Valentino Rossi, Maxime Martin e Ahmad Al Harthy viene promossa in prima fila, mentre la Porsche 911 GT3 R di Manthey EMA di Yasser Shahin, Morris Schuring e Richard Lietz eredita la terza posizione.

Foto: Danilo Russo – Giornalemotori