DTM, 5. + 6. Rennen Zandvoort 2024 - Foto: Gruppe C Photography

Proprio come in VT2, i detriti sulla pista hanno causato un ritardo di due minuti, spingendo Q2 a iniziare venerdì pomeriggio alle 17:02. I piloti stavano già gareggiando in questa sessione di 20 minuti per una posizione di partenza nella gara di domenica, che è stata spostata alle 16:30 per consentire ai piloti DTM di partecipare al test di Le Mans domenica mattina. Le condizioni per Q2 erano ideali, con una temperatura ambiente di 18°C e una temperatura dell’asfalto di 28°C.

I primi minuti della sessione di qualifiche sono stati tranquilli. I piloti hanno completato un giro di uscita che è diventato rapidamente un giro di rientro, solo per iniziare a spingere duramente attraverso le dune con dieci minuti rimanenti. Sheldon van der Linde, René Rast e Kelvin van der Linde sono stati i primi a segnare tempi sul giro, ma questi non sono stati notevoli, con tempi nell’ordine di 1:38. Kelvin van der Linde ha poi iniziato un giro veloce dopo il suo riscaldamento, segnando un tempo di 1:33.106, stabilendo il ritmo. Tuttavia, un errore nella curva 13 durante il suo giro successivo ha impedito un miglioramento.

Con dieci minuti rimanenti, il circuito di dune lungo 4,259 chilometri ha iniziato a vedere più azione. Il beniamino locale Thierry Vermeulen è sceso in pista. Il pilota di Emil Frey Racing, che gareggia sotto la bandiera di Verstappen.com Racing, ha fatto una forte impressione nella prima prova libera e ha segnato il tempo più veloce nel settore 1 durante il suo primo giro veloce. Tuttavia, non è stato sufficiente per il primo posto, poiché Mirko Bortolotti sulla Lamborghini lo ha superato nei settori 2 e 3. Un settore finale lento ha significato che Vermeulen ha dovuto accontentarsi del quindicesimo tempo in quel giro. Bortolotti ha preso il tempo più veloce da Van der Linde con un giro di 1:32.889.

Arjun Maini ha mostrato anche un buon ritmo, spostandosi brevemente al secondo posto prima che Maximilian Paul prendesse il primo posto sulla sua Lamborghini con un tempo di 1:32.780. Vermeulen ha poi gestito un giro impeccabile, assicurandosi il terzo posto davanti al compagno di squadra Jack Aitken. Van der Linde è sceso al settimo posto e non ha potuto migliorare poiché ha saltato gli ultimi minuti, unendosi a Lucas Auer, Luca Stolz, Sheldon van der Linde e Rast ai box.

Alla fine, poco è cambiato in cima, con Maximilian Paul che ha conquistato la pole position per la gara di domenica. Bortolotti era secondo, a solo un decimo di distanza. Il forte inizio di Vermeulen nel weekend significa che partirà dalla P3 domenica, un miglioramento significativo rispetto alle sue posizioni in fondo alla griglia l’anno scorso. Aitken, Maini, Thomas Preining, Kelvin van der Linde, Auer, Stolz e Riccardo Feller hanno completato la top ten.

La seconda gara del weekend DTM a Zandvoort inizia domenica alle 16:30. Q1 e gara 1 si svolgeranno sabato, con la gara che inizia all’orario usuale delle 13:30. Entrambe le gare dureranno un’ora.

Resulti: