Porsche Penske Motorsport (#6), Laurens Vanthoor (B), Kevin Estre (F), Andre Lotterer (D) (l-r)

Kevin Estre ha conquistato una drammatica pole position per Porsche Penske Motorsport alla 24 Ore di Le Mans con un ultimo sforzo durante la sessione di Hyperpole. Il francese ha registrato un tempo eccezionale di 3:24.634 al volante della Porsche 963 numero 6, superando di appena 0.148 secondi il pilota della Cadillac Alex Lynn. Questa pole position è significativa per Porsche, segnando la loro 19esima nella storia di Le Mans e la loro prima pole assoluta dal 2016.

La battaglia per la pole è stata intensamente competitiva, con Lynn che inizialmente sembrava aver assicurato il primo posto. Ha guidato la Cadillac V-Series.R numero 2 a un tempo di 3:24.782, che temporaneamente lo ha messo in testa. Tuttavia, l’ultimo scatto di Estre nei momenti finali della sessione gli ha permesso di riconquistare la leadership e assicurare la pole position per Porsche.

Sia Estre che Lynn hanno registrato i loro tempi migliori durante i loro tentativi finali, che sono arrivati dopo un’interruzione con bandiera rossa. La bandiera rossa è stata causata da Dries Vanthoor, che si è schiantato contro le barriere a Indianapolis mentre guidava la BMW M Hybrid V8 numero 15. Questo incidente ha temporaneamente interrotto la sessione e ha aggiunto tensione mentre i piloti si preparavano per i loro ultimi giri.

Al momento della bandiera rossa, Sebastien Bourdais era in testa con un tempo di 3:24.816, ottenuto dopo una serie di giri impressionanti. Tuttavia, Bourdais ha deciso di non rientrare in pista una volta che la sessione è ripresa, una decisione che ha permesso a Estre e Lynn di sfidare per il primo posto. Oltre a Estre e Lynn, anche le due Ferrari 499P e l’unica Alpine A424 sono tornate in pista per i tentativi finali.

Nonostante i loro sforzi, nessuno dei piloti Ferrari è riuscito a sfidare seriamente per la pole. Alessandro Pier Guidi è riuscito a qualificarsi quarto nella Ferrari numero 51, mentre Antonio Fuoco ha interrotto il suo ultimo tentativo dopo aver commesso un errore alla chicane Dunlop, concludendo al quinto posto. Paul-Loup Chatin è stato l’ultimo pilota a registrare un tempo competitivo, completando la sessione in sesta posizione.

L’incidente di Dries Vanthoor ha avuto ulteriori conseguenze, poiché i suoi tempi sono stati cancellati a causa della bandiera rossa. Inoltre, la Porsche del Team Hertz numero 12 non ha partecipato alla sessione di Hyperpole. Questa assenza è stata dovuta a una ricostruzione in corso dopo l’incidente di Callum Ilott durante le prove libere 2 di mercoledì sera, evidenziando le sfide che le squadre affrontano nelle gare di endurance.

In generale, la sessione è stata una spettacolare dimostrazione di velocità e strategia, con le eroiche prestazioni finali di Kevin Estre che hanno assicurato una memorabile pole position per Porsche Penske Motorsport, preparando il terreno per una emozionante 24 Ore di Le Mans.

La 92ª edizione della 24 Ore di Le Mans inizia alle 16:00 CEST (10:00 EDT), con la Porsche numero 6 che partirà dalla pole position.

Resulti: